Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

vedanta.it

Elenco Articoli Alfabetico

PROLOGO

"Per la prima volta voglio rendere testimonianza scritta della mia esperienza nella Via durante molti anni e di quel sentiero di Heiho a cui ho dato il nome di Niten Ichi-ryu. Siamo nella prima decade del decimo mese del ventesimo anno di Kanei. Sono salito sul monte Iwato, nella provincia di Higo nel Kyushu, per rendere omaggio al Cielo, pregare Kwannon e sedermi in Buddha.

Sono Shinmen Musashi-no-kami Fuji-wara-no-genshin, nato come bushi nella provincia di Arima, giunto all'età di sessanta anni. Fin da giovane mi sono dedicato al sentiero di Heiho, combattendo per la prima volta all'età di tredici anni e vincendo contro uno spadaccino di nome Arima Kihei di Shinto-ryu. A sedici anni vinsi un formidabile combattente, tale Akiyama della provincia di Tajìma. A ventun anni sono venuto nella capitale per conoscere maestri d'armi di ogni parte del paese; li ho affrontati in un gran numero di duelli, in nessuno dei quali mi è sfuggito il successo. Poi ho vagato di provincia in provincia, accettando la sfida degli esperti di varie scuole, senza mancare di vincere in più di sessanta incontri.

Questo avvenne tra l'età di tredici e ventinove anni.

Allo scadere dei trenta anni ho riflettuto sulla mia vita passata e ne ho concluso che le mie vittorie non erano dovute alla piena padronanza dei segreti dell'Arte: forse avevo per essa una predisposizione naturale, o quella era la volontà del Cielo, o semplicemente era dovuto al basso livello delle altre scuole di scherma. Allora ho cercato di raggiungere una conoscenza più profonda e, dedicandomi giorno e notte, ho realizzato in me stesso l'essenza di Heiho all'età di cinquanta anni.

Dopodiché ho passato il mio tempo senza più una Via da ricercare.

Ho applicato l'illuminazione sui principi di Heiho a varie arti e mestieri senza sentire la necessità di avere in tali campi alcun insegnante, o maestro. Ugualmente per scrivere questo libro non mi ispiro alla Legge del Buddha o agli insegnamenti di Confucio, ne' riprendo gli antichi libri di cavalleria e di tattica militare. Nella luce del sentiero del Cielo e di Kwannon, la notte del decimo giorno, del decimo mese, all'ora della Tigre, semplicemente prendo il pennello e incomincio a scrivere."
Questo era il prologo del libro dei cinque anelli scritto da Miyamoto Musashi, un noto samurai vissuto nella prima meta' del 1600. Il libro dei cinque anelli e' composto da cinque libri, il libro della terra, dell'acqua, del fuoco, dell'aria e l'ultimo, il piu' breve, ma anche piu' significativo (pur nei suoi limiti), del vuoto.

KU-NO-MAKI


IL LIBRO DEL VUOTO

"Espongo in questo Libro del Vuoto la Via di Heiho di Niten Ichi-ryu. 'Ku' significa 'vuoto'; 'Ku' è ciò che non si può conoscere. Naturalmente il vuoto è il nulla. Praticando la forma, si percepisce il vuoto. Questa è la natura di 'ku'. In genere, quando non si può capire qualcosa, si tira fuori 'ku' ; ma questo non è veramente 'ku'. Questo è ignoranza. Se un bushi sulla Via di Heiho non comprende il suo dovere, questo è 'non-Ku'.
Quando si ha avuto un cattivo insegnamento, o si seguono falsi princìpi e non si riesce a risolvere i problemi essenziali, chiamare questo 'ku', non è far uso del vero significato.
Per un bushi, conoscere a fondo la Via di Heiho, studiando le altre discipline, comprendendo chiaramente il suo dovere senza coltivare ambizioni nel cuore, affinando la saggezza e la forza di volontà, sviluppando l'intuizione e il potere dell'attenzione, giorno e notte, quando i veli dell'illusione sono scomparsi, allora avviene la comprensione del vero 'ku'.
Finché uno resta ignaro della vera Via è convinto di essere nel giusto perché crede nell'insegnamento di Buddha, o in qualsiasi altra fede del mondo. Ma quando assume il punto di vista della vera Via e vede la realtà del mondo dalla giusta prospettiva, si accorge quanto divergano quelle vedute a causa dei pregiudizi dell'individuo e delle errate posizioni di partenza. Giungi alla corretta considerazione prendendo per base la sincerità di spirito e l'onestà interiore; pratica Heiho quotidianamente; sforzati di percepire correttamente e chiaramente la realtà.
Fai di 'ku' la tua Via e che la tua Via sia 'ku'.
Il dodicesimo giorno del quinto mese del secondo anno di Shoho."

Questo era il quinto libro...e tutti e cinque libri parlano in sostanza della via di Haiho, l'arte, la via del guerriero. Un praticante di tale via era un esperto di armi e tecniche di combattimento, ma la sua vera forza, non era nella spada e nella destrezza manuale con cui sapeva maneggiarla, ma nella fermezza interiore e nel distacco.
Un samurai era tale solo agli occhi altrui, non ai suoi, non ne aveva, era gia' morto. Per un samurai non c'era un domani, non c'era un ieri, non c'era nemmeno il presente, c'era solo il qui e ora, era il qui e ora, era il Ku. Il Ku era tutta la sua vita, tutta la sua esistenza, tutti i suoi ieri, oggi, domani.

"Un colpo, una vita" una massima tratta dal celeberrimo libro "Lo zen ed il tiro con l'arco". Un colpo, una vita; tutta la vita, tutta l'esistenza in un solo colpo, qui e ora. Questo era il senso, il significato, non c'e' il combattente, non c'e' il combattuto, non c'e' il combattimento, c'e' solo il qui e ora, un colpo, un colpo solo che e' tutta la vita, tutta l'esistenza del combattente, del combattuto, del combattimento.

Non provava avversione ne' timore per l'avversario, cosi' come non provava attaccamento per la sua o altrui vita. Un samurai non aveva una vita, perche' non c'era nessuno a possederla. Il samurai agli occhi altrui era il peggior nemico che si potesse incontrare, non aveva niente da perdere, a cominciare dalla cosa piu' preziosa, la sua stessa vita.
La via di Heido era una via del distacco, una via di centratura interiore, una via del qui e ora, una via quindi realizzativa. Non a caso Zen e samurai vissero profonde correlazioni.
La spada, le tecniche, i combattimenti, divenivano solo aspetto esteriore, manifesto, fenomenico, di una fermezza, di una costante, di un distacco che era tutto interiore.

Marco - ML AV

NOTIZIA SUL COPYRIGHT:
I contenuti di questo documento sono protetti dalla legge italiana sul diritto d'autore, Copyright © Associazione Vidya Bharata, Catania, Italia.
Di questo testo si può fare una copia digitale o una stampa solo per un uso personale, non commerciale o pubblica, sotto le condizioni che si può copiare questo documento senza modifiche e nella sua interezza, includendo queste notizie sui diritti d'autore e i riferimenti dell'Associazione.

Vidya Bharata - Edizioni I Pitagorici © Tutti i diritti riservati.  
Tutti i diritti su testi e immagini contenuti nel sito sono riservati secondo le normative sul diritto d’autore.

Chi è online

Abbiamo 167 visitatori e nessun utente online

Sei qui: Home Articoli Elenco Articoli Alfabetico Il libro dei cinque anelli