Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

vedanta.it

Elenco Articoli Alfabetico

Come il movimento di un tizzone ardente sembra avere una linea dritta o curva, così la coscienza in movimento appare essere il conoscitore ed il conosciuto.
Come il tizzone ardente quando non
è in moto diviene libero dalle apparenze e dalla nascita, così la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita.
Mandukya Upanisad IV, 47-48


L'esempio del tizzone in movimento quale allegoria di maya, dell'apparenza, mi è sempre piaciuta. Me la figuravo proprio, visivamente, io fermo ad osservare un tizzone legato ad un filo (metallico, altrimenti si brucia) e fatto roteare nell'oscurità, a descrivere delle circonfernze luminose. Seguiva l'immediata constatazione che quelle circonferenze luminose non erano reali così come non erano irreali, ma solo apparenti.... mi compiacevo così di questa "intuizione", di questo piccolo squarcio nel velo di maya. Del resto avevo ampie conferme dalla fisica atomica e sub-atomica in cui la materia è sostanzialmente vista in termini di movimento e vibrazione. Come a dire, senza entrare nei particolari lunghi e noiosi, che tutta la realtà percepita e sperimentata, a cominciare proprio dai suoi "mattoni", altro non era che "scie di tizzoni ardenti elementari in movimento e\o vibrazione". (Per chi fosse interessato è pur sempre valido il datato libro di F. Capra "Il Tao della fisica")


Senonchè un giorno "mi cadde l'occhio" anche sulla seconda parte della frase...."così la coscienza in movimento appare essere il conoscitore ed il conosciuto."
Coscienza in movimento? Mi ero sempre dato per scontato di essere fermo, una coscienza ferma che osserva un mondo-maya-apparenza in movimento-vibrazione, incapace quindi di cogliere la Realtà-sostrato inquanto è "lei" a velarsi muovendosi. Insomma, la sovrapposizione del serpente "nasceva" dal movimento-vibrazione della corda.
Non che quest'ottica fosse sbagliata in assoluto, ma era relativa. Vi era una seconda ottica, altrettanto valida, ed era quella che il tizzone stesse fermo e fossi io a roteare! Il risultato scia non sarebbe cambiato.
Come a dire la Realtà è sempre lì, ferma, sono io con il mio muovermi mentale a produrre l'effetto scia, a velarla sovrapponendogli il serpente. Il tizzone, come la Realtà, come la corda non si è mai mossa, la scia e\o il serpente sono una sovrapposizione dovuta al mio movimento mentale.
Le due possibilità godono della stessa plausibilità, ma sono entrambe relative, relative al soggetto. Mi spiego, il movimento stesso, il concetto di movimento trova senso se c'è un "qualcosa" che si muove rispetto a "qualcosa". Secondo il solito esempio, noi (soggetto) su un treno abbiamo cognizione del movimento se riusciamo a riferirci-relazionarci ad un qualche sistema di riferimento (oggetto). Se dal finestrino tutto scorre, presumiamo che ci stiamo muovendo rispetto alla terra ferma. Improbabile, ma non impossibile che invece noi siamo fermi ed è tutto il resto a muoversi, cosa che capita quando si è fermi in stazione di fianco ad altri treni fermi e non si ha la certezza quando qualcuno si muove (salvo gli scossoni del nostro treno) se siamo noi a farlo o loro.
Quello che voglio dire è che il movimento trova senso e significato solo se c'è un soggetto ed un oggetto, se c'è un "qualcosa" che si muove rispetto a "qualcosa". Il movimento stesso coincide con il soggetto e oggetto, o come dice il sutra "la coscienza in movimento appare essere il conoscitore ed il conosciuto".
Quindi non trova molto senso parlare di un io (me-soggetto) che si muove rispetto ad una realtà, o di una realtà che si muove rispetto a me, perchè in entrambi i casi quella realtà è una realtà oggetto, non la Realtà.
Evidentemente la Realtà viene "prima", fa da sostrato al movimento stesso, e quindi fa da sostrato al soggetto-oggetto, al conoscitore-conosciuto, consustanziali del movimento stesso.
Il cessare del movimento è svelamento di Realtà, ma il cessare del movimento coincide anche col cessare del soggetto-oggetto o come dice il secondo sutra, "così la coscienza quando non è in movimento rimane libera dalle apparenze e dalla nascita" (conoscitore e conosciuto).

Marco -  ML AV

NOTIZIA SUL COPYRIGHT:
I contenuti di questo documento sono protetti dalla legge italiana sul diritto d'autore, Copyright © Associazione Vidya Bharata, Catania, Italia.
Di questo testo si può fare una copia digitale o una stampa solo per un uso personale, non commerciale o pubblica, sotto le condizioni che si può copiare questo documento senza modifiche e nella sua interezza, includendo queste notizie sui diritti d'autore e i riferimenti dell'Associazione.

Vidya Bharata - Edizioni I Pitagorici © Tutti i diritti riservati.  
Tutti i diritti su testi e immagini contenuti nel sito sono riservati secondo le normative sul diritto d’autore.

Chi è online

Abbiamo 185 visitatori e nessun utente online