Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

vedanta.it

Realizzazione e karma

Se la Realizzazione fosse possibile solo all'esaurimento naturale del karma, non esisterebbero i jīvanmukta, perché ogni karma dovrebbe sciogliersi.

Mentre ciò che mantiene qui il jīvanmukta è proprio il karma residuo.

Esiste un unico libero arbitrio (e non si entra ora in merito alla sua attuazione) ed è quello di essere o non essere consapevoli.

In quanto puro essere, è una tua scelta l'individuazione.

Parimenti è una tua scelta la liberazione dall’individuazione.

In quel momento ci si scioglie da ogni legame col grossolano che continua a sussistere secondo il karma residuo già attivato e non esaurito.

 

Bodhananda

[tratto da forum pitagorico 5/11/2009]

 

Vidya Bharata - Edizioni I Pitagorici © Tutti i diritti riservati.  
Tutti i diritti su testi e immagini contenuti nel sito sono riservati secondo le normative sul diritto d’autore.

Chi è online

Abbiamo 85 visitatori e nessun utente online

Sei qui: Home Realizzazione e karma