Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

vedanta.it

Mahashivaratri

Mahashivaratri in sanscrito significa "grande notte di Shiva", ed è la più grande festività dei culti Shaiva (quelli che riconoscono in Shiva, sia il Dio persona che il simbolo e il nome della Realtà Assoluta). Il quattordicesimo giorno della metà oscura di ogni mese lunare è dedicato specificatamente a Shiva, nel mese di Magha (Gennaio-Febbraio) e in misura minore anche nel mese di Phalguna (Febbraio-Marzo). Questi sono giorni di particolare gioia. Il giorno precedente e la stessa notte viene osservato il digiuno, mentre durante la notte si rimane svegli, presenziando a particolari cerimonie di venerazione al linga (simbolo di Shiva).

In questa occasione si festeggia anche il matrimonio di Siva e Parvati. 

Durante la festività si osservano digiuni e austerità; molti devoti non bevono neanche una goccia d’acqua e vegliano tutta la notte cantando il Maha mantra di Siva. Il linga, simbolo dell’Assoluto, viene anch’esso adorato tutta la notte con l’offerta dei fiori, della frutta e del prashad (cibo sacro). Il linga viene prima purificato dall’acqua e poi è pronto per essere adornato da bellissime ghirlande di bianchi e profumatissimi gelsomini. Tutti i templi dedicati a Siva sono meta di pellegrinaggi da parte dei devoti, che lo adorano in tutte le sue forme come Sivanataraja, Signore della danza cosmica, infatti questo periodo viene considerato ideale per le danzatrici di Bharata Natyam per compiere la prima danza in pubblico (arangetra), nel tempio di Siva. Lo adorano inoltre nella forma di Siva Ardhanarisvara, rappresentante in lui l’aspetto sia maschile che femminile della manifestazione, nella forma di Sivamahayogi, Signore di tutti gli yogi del mondo, infatti, è questo il momento propizio in cui samnyasin e sadhu vengono iniziati con i favorevoli auspici del più grande degli yogi.

Il giorno successivo al Mahashivaratri viene celebrato con feste, fiere festive e, fra i membri del culto Lingaya (Sud India) si usa recare doni al proprio Maestro spirituale.

Vidya Bharata - Edizioni I Pitagorici © Tutti i diritti riservati.  
Tutti i diritti su testi e immagini contenuti nel sito sono riservati secondo le normative sul diritto d’autore.

Chi è online

Abbiamo 228 visitatori e nessun utente online

Sei qui: Home Mahashivaratri