Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

vedanta.it

Guarigione spirituale e forze occulte

“Maestro, possiamo influenzarci a vicenda, se meditiamo nel gruppo? Se per esempio trasmettiamo pensieri d’amore a qualcuno, questo ha un effetto?”

Avete abbastanza per poter distribuire agli altri? Se è così, allora va bene; altrimenti farete bancarotta. Non avete soldi in banca oppure nelle mani e emmettete degli assegni. Se invece amate Dio – e l’anima è della stessa essenza di Dio e Lui abita in ogni cuore – allora sarà naturale che avrete amore per tutti. Se siete completamente riempiti di quest’amore, non è neanche necessario rivolgere la vostra attenzione su qualcuno, siccome riceveranno qualcosa solo attraverso la vostra radiazione. Se invece, vi sforzate e esercitate un influsso sugli altri, vi sentirete completamente esausti e vuoti. Ecco perché continuo a dire che non approvo questa guarigione. Le persone che fanno guarigioni, esercitano un’influsso sugli altri, emanano amore, pensieri positivi, pensieri salutari. Si sforzano e in questa maniera fanno bancarotta. Dopo si sentono esausti e devono ricuperare la perdita.

La forma superiore della guarigione è sempre buona. Perfino quelli che solo pensano al Maestro, possono essere guariti. Se vi ricordate, nel tempo di Cristo una signora toccò il bordo dei Suoi vestiti e fu guarita. (Lui lo sentì e chiese: “Chi mi ha toccato?”) Se avete tanti soldi in banca, bene. Che cosa succede però se avete 1000 dollari e firmate degli assegni di 2000 dollari, che cosa succederà? È una buona cosa avere simpatia per tutti; ma se amate Dio – e Dio risiede in ciascuno di loro – il vostro amore passerà automaticamente a loro. Lo riceveranno tramite radiazione. Potete pregare Dio: “O Dio aiuta loro!” Questa è un’altra cosa.

Se invece avete solo pochi soldi o poca acqua nel vostro pozzo, come potete distribuire agli altri? Capite che cosa voglio dire? È una buona cosa avere simpatia, pensieri affettuosi e rispetto per gli altri, ma non esercitate nessun influsso sugli altri. Potete avere pensieri positivi per tutti.

Ai tempi del mio Maestro usavo andare a visitare persone malate e alcune persone non iniziate facevano uno show con quelle persone. “Se viene Lui, i malati riceveranno sollievo.” Succedette così e la gente si lamentò dal mio Maestro che io stessi facendo miracoli. Il mio Maestro rispose: “No, Lui non fa vedere miracoli. È la sua radiazione che la gente riceve.” Capite? Una radiazione di questo tipo è a posto. Avere buoni pensieri per ogni persona è una buona intenzione. Pregate Dio che dia la pace a tutti; questa è un’altra cosa. Anche Guru Nànek che viene considerato il Verbo fatto carne, pregò: “Pace sia in tutto il mondo secondo la tua volontà, o Dio.” Non fece nulla di forza propria. “Pace sia in tutto il mondo secondo la Tua volontà, o Dio.” Se invece siete diventati gli attori, eserciterete automaticamente un influsso sugli altri. “Secondo la Tua volontà” è la via migliore. Perciò augurate del bene a tutti. Siamo tutti fratelli e sorelle in Dio. Questa forza però aiuta tramite radiazione (senza fare niente di proprio), non farete bancarotta. Certo che potete fare del bene agli altri con propria forza, dopo però vi sentirete esausti.

Quello che ci vuole è una forma superiore della guarigione. Attraverso la radiazione ogni persona può ricevere aiuto. Se voi avete profumo in abbondanza in voi, tutti ne riceveranno, senza che voi abbiate bisogno di desiderarlo. Allora non vi dico di non augurare del bene a tutti, ma non dovreste agire in proprio e assumervi un peso sulle vostre spalle con le poche gocce d’acqua che avete. Pregate per loro, questo va bene.

“Qualche volta un guaritore quando è esausto dice che dopo viene riempito di nuova forza.”

Ma all’inizio sono allo stremo delle loro forze. Prima sentono la mancanza, e solo dopo aver sentito questa mancanza si ricaricano di nuovo. E se poi non si ricaricano? I Maestri hanno sempre guarito tramite radiazione. Quelli che pensavano a loro furono guariti. Questa è la via più sicura.

Una volta qualcuno mi scrisse dalla Francia: “Ho sentito che Lei non è di buona salute. La curerò da qui.” Io risposi che non ne fosse capace e gli spiegò perché: “Una persona più debole di Lei può essere influenzata da Lei, ma non una persona più forte.” Lei non può influenzare uno che è più forte di Lei. Capite? Come può avere un influsso su una persona che è più forte di Lei? Può influenzare solo uno che è più debole di Lei. Può guarire altri che hanno una volontà più debole della Sua. Perciò gli scrissi che non fosse stato in grado di fare ciò. Lui ci provò con tutta la sua forza, ma non riuscì a fare niente. Potete dire: “O Maestro, o Dio aiuta!” Questa è un’altra cosa.

Nella mia vita succedette una volta che alcune persone – non c’è bisogno di dire chi – pagarono qualsiasi somma a certe persone affinché si sedessero insieme in alcuni posti all’aperto per recar danno a me (attraverso la forza dei loro pensieri). Questo è possibile, a me però non poterono recar nessun danno nonostante tutti i loro sforzi.

Un giorno stavo viaggiando in treno e salì un uomo che sapeva leggere i pensieri degli altri. Li lesse a una, due, tre, quattro persone. Anch’io stavo seduto nello stesso compartimento. Mi disse di pensare a una cosa che lui poi avrebbe letto. “Non sarà in grado di farlo” gli dissi io. (Questo successe molto tempo prima che incontrassi il mio Maestro.) Lui però insistette e anche gli altri volettero in ogni caso che io pensassi a una cosa affinché lui potesse leggerla. “Va bene” risposi. Lui ci provò, però non ci riuscì. Ammesse: “Oggi ho fallito.”

Così allora un uomo più forte può influenzare altre persone, uno che è più debole non sarà in grado di farlo. Potete avere un influsso su quello che è più debole. Comunque sia, questa non è spiritualità. Queste forze soprannaturali vengono create attraverso la concentrazione; se entrate in relazione con esse, la forza superiore in voi smetterà di agire. Queste forze soprannaturali non hanno niente a che fare con la spiritualità. La spiritualià non include né lo spiritismo né lo spiritualismo, non ha niente a che fare con l’ipnosi e il mesmerismo. Riguarda esclusivamente l’analisi di se stessi, l’elevarsi al di sopra della coscienza del corpo per conoscere se stessi e per conoscere Dio.

Sulla via possono apparire molte forze e entrare in relazione con esse è un crimine vergognoso. Rallenterete il vostro progresso. Inoltre, la legge karmica è inesorabile. Prima o poi dovrete soffrire per questo. La gente si occupa di tutte le cose possibili ed immaginabili. Ci fu un uomo a Londra che era in grado di chiamare gli spiriti che poi parlavano. Il biglietto d’ingresso costava cinque sterline. Qualcuno disse: “Va bene, andiamo là a vedere, pagheremo.” Allora ci andammo. Tutte le luci furono spente. Erano circa le nove o dieci di sera e faceva un buio fitto. Faceva tutti gli sforzi, ma non riuscì a combinare niente. Fece un sospiro, ne fece un secondo e per mezz’ora non succedesse niente. Alla fine disse: “Oggi l’atmosfera non è buona. Mi dispiace, ma oggi non funziona.” Non chiese soldi da noi. È sicuramente possibile parlare con gli spiriti. Qual’è il trucco? Adesso ve lo dirò. Sapeva parlare come un bambino. Quindi era sempre lui che parlava e la gente pensava che fosse uno spirito. Io ho fatto l’esperienza che c’è un enorme mercato nero all’esterno, ma nell’ambito religioso ci sono ancora più mercati neri. Viene fatto un grande show.

Durante il mio primo viaggio mondiale un mago venne a una seduta mattutina di meditazione a Cicago. Era un mago di prima classe dell’Europa che era stato invitato a venire in America con lo scopo di farmi fallire. Disse: “Lei mi permette di partecipare alla meditazione?” “Sì certo, venga pure.” Gli diedi il permesso. Si sedette al mio fianco e cercava di esercitare un influsso negativo su di me impiegando tutte le sue forze. Non succedesse niente; lui invece cadde per terra e rimase inconscio. Dovettero rianimarlo nelle mie braccia, lo portarono a letto e lo consolarono: “Calmati, ti riprenderai, non preoccuparti.” Sono subentrate subito le ripercussioni.

Se viene un’onda e scaglia contro un muro di pietra, l’onda viene respinta. Se invece scaglia contro la sabbia, la compenetrerà. Quindi in seguito alla ripercussione cadde per terra e rimase inconscio. Lui era un seguace di un’altro gruppo che lo aveva ingaggiato esclusivamente per questo scopo. Io lo curai, gli detti medicina affinché si riprendesse presto. In seguito lui dichiarò davanti a tutta la gente: “Per la prima volta nella mia vita ho sperimentato l’amore di Cristo. Tutto quello che mi avevano raccontato era sbagliato.” Nel frattempo è morto. Sua moglie mi manda lettere ancora adesso.

Le persone spirituali non chiedono di queste cose. Che cosa vi serve, se potete leggere i pensieri degli altri e avere un influsso su di loro? Che valore ha? Si entra in contatto con le anime che hanno lasciato il loro corpo e si trovano sulle sfere inferiori, il contatto con le sfere superiori invece, è molto limitato. Questa è solo una parte dello show. Se voi legate la vostra attenzione in questa maniera, il vostro progresso si rallenterà. Ho incontrato tutte queste cose in India e anche fuori dall’India. A me invece non potevano fare del male, siccome il mio Maestro era con me. Questa forza, il potere di Dio, è sempre con me. È la Sua grazia; se Lui mi lascia, io sono niente. Io non sono quello che agisce. Questa è la via più sicura.

Successe una volta che un medico omeopatico venne in India con sua moglie. Ricevette l’iniziazione dal nostro Maestro (Bawa Sawan Singh). La gente cercò di convincere anche sua moglie di farsi iniziare, lei però non era d’accordo. Lei seguiva un guru in Europa. Suo marito mi chiese di fare qualcosa cosicché anche sua moglie si fosse fatta iniziare. Il mio Maestro mi diede l’ordine di prendermi quattro o cinque giorni di vacanza e darle tempo. Chiesi a suo marito di essere presente anche lui quando avrei parlato con lei. La prima domanda che Lei mi fece fu: “Che cosa L’ha portato al Suo Maestro?” Allora le spiegai per circa dieci minuti per quale ragione io ero andato dal mio Maestro. “Ma, questo è esattamente quello che volevo,” mi rispose. Poi mi chiese: “Come mai il vostro Maestro non mi convince?” Questa era una domanda molto diretta. “Il mio guru precedente cercava di influenzarmi ed io ero influenzata da lui,” continuò poi. Le dissi di guardarmi per due, tre minuti e poi le chiesi se fosse in grado di dire qualcos’altro di quello che io volevo che Lei dicesse. Rispose di no. “Questo è perché il Suo guru L’ha influenzata. Non poteva dire nient’altro di quello che lui voleva che avesse detto. Il mio Maestro invece, non influenza nessuno. Lui La lascia decidere liberamente a Suo piacere.” Lei non parlava inglese; parlava francese. “Va bene, se non riesce a seguire il discorso del mio Maestro, allora lo guardi semplicemente in maniera gentile e attenta, non di più. Poi mi faccia sapere come lo vede.” Lei ascoltò il discorso del Maestro e la sera le chiesi: “Allora, come ha trovato il mio Maestro?” “È stato molto bello, molto attraente.” È solo la radiazione che ha questo effetto senza che venga influenzata la vostra volontà. Le dissi: “Il mio Maestro lascia ognuno di noi decidere liberamente. Perciò non L’ha influenzata.” Se vi ipnotizzo, allora andrete via e vi sentirete sfruttati e vuoti. Potete ricevere qualcosa per pochi minuti, però dopo sarete bancarotta. E poi? Perciò vi dico che ci sono dei mercati neri all’esterno, però all’interno è ancora peggio.1

Quindi è necessario capire i valori superiori della vita e (attraverso quelli) sviluppare capacità di discernimento per poter volgere l’attenzione ai fattori che favoriscono la nostra via e ci aiutano a realizzare noi stessi e Dio. Noi dovremmo sviluppare ricettività per Dio e non per certi poteri psichici che non sono di tipo superiore e non ci possono aiutare a raggiungere una coscienza superiore finché ci riuniamo con l’infinito.2

L’uomo deve avere un desiderio sincero e incessante per la fine di tutte le cose, per la meta di tutte le mete e non deve accontentarsi quando riesce solo a controllare i suoi poteri fisici e mentali.3 Il Maestro ci pone la meta che è raggiungere l’unità completa con il Signore – “l’Essere Uno”. Noi possiamo riunirci di nuovo con la origine dalla quale siamo partiti una volta e riacquistare la nostra dimora permanente nella casa del nostro padre, dove regnano gioia e pace al di là di annientamento e ignoranza e al di là della miseria dell’oceano irrequieto della vita.

Il regno di Dio è al nostro interno. Dobbiamo riconoscere “l’uomo interiore” (lo spirito o l’anima) come immagine di Dio e il corpo fisico come tempio di Dio nel quale il Signore si manifesta. In questo tempio vivente dobbiamo conciliare il nostro corpo e vivere in una stretta comunione con Lui. Guru Nànek ci dice: “Hai ricevuto la nascita umana che è una buona occasione per venire in contatto con Dio. Tu però perdi il tuo tempo con attività che ti fanno smarrire e non portano frutti!” Pensaci che la notte (della vita terrestre) sta giungendo alla fine.”4 Per questo motivo il discepolo o il cercatore di Dio dovrebbe stare attento a non considerare come aiuto o perfino come ultimo scopo sulla via della autorealizzazione o realizzazione di Dio, certe forze soprannaturali che possono apparire in seguito all’esercizio di varie tecniche di yoga o di concentrazione. Anche se attraverso certe pratiche dello yoga si possano acquistare forze sovrumane e soprannaturali, quando si commincia ad occuparsi di queste forze in maniera più intensa, si dimenticherà il vero scopo. Tutto questo non ci porta il favore di Dio, senza il quale tutto è invano. Così queste forze diventano degli ostacoli sulla via della autorealizzazione e realizzazione di Dio. Per questo motivo è importante essere informati sulla loro esistenza, il modo in cui funzionano ed i pericoli che comportano.5

Dobbiamo imparare a distinguere la spiritualità dallo spiritismo e spiritualismo, siccome la spiritualità è completamente diversa da ambedue. Lo spiritismo sottolinea il credo nell’esistenza di spiriti senza corpo, distaccati dalla materia, di cui gli spiritisti credono che funestino le regioni inferiori come spettri o spiriti maligni oppure le regioni astrali inferiori come angeli o spiriti buoni. Qualche volta si interessano anche delle agende personali degli esseri umani e cercano di appagare i loro desideri covati a lungo, tramite tutti gli intrighi possibili ed immaginabili. Le persone che si occupano di magia nera sostengono che possano esercitare potere su di loro attraverso scongiuri magici. Un discepolo del Maestro però non deve preoccuparsi di essi, siccome uno che è in contatto diretto con la Parola sacra non può essere influenzato da nessun potere negativo.

Lo spiritualismo va un passo più avanti allo spiritismo. È un credo nella sopravvivenza della persona umana dopo la morte fisica e la possibilità di comunicazione tra vivi e morti. I sostenitori dello spiritualismo fanno spesso delle sedute per entrare in comunicazione con i cosiddetti spiriti. Lavorano attraverso i medium, cioè usano sempre un tipo di medium o sia una planchette o un tavolo per farlo muovere o perfino una persona umana alla quale viene tolta la coscienza affiché lo spirito chiamato possa fare uso del suo corpo e comunicare attraverso quest’ultimo. Questa relazione esiste in genere solo tra il piano fisico o terrestre ed i piani astrali più bassi, conosciuti come campi magnetici. I risultati di una tale comunicazione sono molto limitati, per la maggior parte inattendibili e inoltre estremamente pericolosi per il medium, che delle volte subisce una perdita enorme della sua intelligenza fino a perdere la ragione e ne soffre moltissimo. Perciò i Maestri della spiritualità condannano esplicitamente la pratica dello spiritualismo. Il contatto e l’intercorso dei Maestri competenti con le regioni spirituali, fino alla casa del Signore (Sach Kand), è diretto. Loro possono andare e venire a propria volontà e piacere senza nessun ostacolo e indipendentemente da ogni intervento soggettivo di un medium. Mentre questo metodo è del tutto normale, naturale, diretto e costruttivo, gli spiritualisti invece, lavorano in maniera molto soggettiva, indiretta e mediata; è un processo pieno di pericoli e rischi per loro stessi ed il medium. Tranne la sapienza sulla vita dopo la morte, lo spiritualismo può contribuire solo poco alla nostra esperienza e non ci offre niente che veramente possa essere d’importanza per la nostra via spirituale.

Le osservazioni sopra espresse valgono anche per l’ipnosi e il mesmerismo. In ambedue i casi una persona con una volontà molto forte cerca di influenzare altre persone con una resistenza più debole, attraverso certi movimenti con le mani e gesti e volgendo nello stesso momento la sua piena attenzione alla persona rispettiva. La spiritualità invece, è la scienza dell’anima e si occupa di tutti gli aspetti dell’anima: dove l’anima si trova nel corpo umano, qual’è la sua relazione con il corpo e la mente, come apparentemente agisce su e attraverso i sensi, qual’è la sua vera natura e come può essere separata da tutte le cose restrittive. Descrive il viaggio spirituale con la sua ricchezza di piani e sub-piani, i poteri e le possibilità spirituali con il loro valore intrinseco. La spiritualità ci svela che cos’è la Parola sacra e come possiamo legarci con essa. Ci dice che l’ultimo scopo è quello di realizzare noi stessi e realizzare Dio, l’unione dell’anima con l’Anima superiore e ci insegna come può essere raggiunta tramite il Surat Shabd Yoga oppure il sentiero della Corrente-Suono.6

Quindi ci sono molte facoltà secondarie che si possono acquistare attraverso il semplice processo dell’autocontrollo e della concentrazione, come per esempio:

  • capire il linguaggio degli uccelli e degli animali;
  • apere delle nascite precedenti e sapere quando si deve morire;
  • saper leggere i pensieri più intimi degli altri;
  • conoscere cose segrete e sottili dalla distanza come i pianeti e le stelle; prevedere cose future;
  • poter recarsi in qualsiasi posto del mondo;
  • guarire toccando;
  • acquistare la perfezione fisica nella forma, l’aspetto esteriore, la forza e potenza, costanza e fascino fisico ecc.

Qui dobbiamo aggiungere qualche parola di ammonimento riguardante i “riddhi” e “siddhi” oppure i poteri soprannaturali che si acquistano molto spesso quando si esercitano certe pratiche dello yoga. Tutte queste forze soprannaturali oppure “siddhi” vanno evitate perché sono dei grandi ostacoli sulla via verso un vero progresso spirituale e il raggiungimento della conoscenza di se stessi e la conoscenza di Dio, che è la grande meta e lo scopo del sistema dello yoga.7

La maggior parte dei discepoli si dedica soltanto alla stretta osservazione dei “yama” e “niyama” e fanno fatica a proseguire sulla via che porta alla conoscenza di se stessi e alla conoscenza di Dio; e quelli che progrediscono un po’ non riescono a fare altro che imparare le posizioni dello yoga (asana, mudra e bhanda) e sono continuamente impegnati a sviluppare il loro corpo e muscoli, facendo di queste attività l’unico scopo dei loro sforzi. Quindi loro stessi si limitano all’aspetto dello sviluppo fisico del corpo per poter resistere alle malattie, alla vecchiaia e a una morte precoce. Tutti questi sono solo mezzi che ci conducono allo scopo superiore dello yoga e dovrebbero essere praticati solo come tali. Lo scopo dello yoga è la conoscenza di se stessi attraverso un processo regolare di autoanalisi e di ritiro, il che ci rende in grado di alzarci oltre la coscienza del corpo, raggiungendo una coscienza cosmica più alta e una coscienza super-cosmica.

Il vero yoga è un processo del tutto naturale che non ha niente di artificiale. Quindi dovrebbe essere facilmente comprensibile e praticabile. Per mancanza di insegnanti adeguati che conoscano bene sia la teoria che la pratica dello yoga, è diventato una facenda faticosa e intricata; troppo difficile da capire e ancora più difficile da praticare. La conseguenza di ciò è che i cercatori riguardano l’uno o l’altro tipo di yoga erroneamente come ultimo scopo. Disperdono le loro energie in queste attività e si accontentano con l’acquisizione di capacità psichiche o magiche8 che non raramente vengono abusate per avere applauso pubblico e ricchezza. Quindi non è da meravigliarsi se un uomo semplice associa le persone che praticano lo yoga con persone che camminano sul carbone ardente, inghiottano schieggie di vetro o metallo, mangiano teste di serpenti e roditori, fermano macchine viaggianti o si lasciano investire da camion e pestare da elefanti. Huston Smith scrive nel suo libro: “La Religione dell’Uomo”: “Con questo corpo umano possiamo realizzare tante cose incredibili, se ne siamo interessati e vogliamo dare la nostra vita per queste cose. Però queste cose non hanno niente a che fare con l’illuminazione. In realtà fanno crescere il desiderio di mettersi in mostra. Il loro autocontrollo sostiene l’orgoglio che di conseguenza ostacola il progresso spirituale.”9

Chi allora si interessa di spiritualità – l’eterna scienza interiore, che ha le sue leggi perenni e si manifesta nelle forme più diverse, le cui conoscenze non sono statiche, ma si sono manifestate così come l’uomo si è sviluppato, dalle forme inferiori alle forme superiori dello yoga - si renderà conto che l’unione con il Signore Supremo non è solo un sogno o postulato ipotetico di una scuola filosofica monistica, ma una possibilità vivente la cui realizzazione è la meta dell’esistenza umana e che con la guida giusta, il metodo giusto e gli sforzi onesti è alla portata di tutti, indipendentemente dall’età, dalla razza, dal sesso e dal credo.10

1 tratto da “Light of Kirpal” di Sant Kirpal Singh, pag. 298-301
2 sintesi di un messaggio di Sant Kirpal Singh
3 tratto da “The Crown of Life” di Sant Kirpal Singh, pag. 18
4 tratto da “Jap Ji” di Sant Kirpal Singh, pag. 108-109
5 sintesi di un messaggio di Sant Kirpal Singh
6 tratto da “The Crown of Life” di Sant Kirpal Singh, pag. 233-235
7 tratto da “The Crown of Life” di Sant Kirpal Singh, pag. 60
8 tratto da “The Crown of Life” di Sant Kirpal Singh, pag. 61
9 tratto da “The Crown of Life” di Sant Kirpal Singh, pag. 96-97
10 tratto da “The Crown of Life” di Sant Kirpal Singh, pag. 18

Vidya Bharata - Edizioni I Pitagorici © Tutti i diritti riservati.  
Tutti i diritti su testi e immagini contenuti nel sito sono riservati secondo le normative sul diritto d’autore.

Chi è online

Abbiamo 284 visitatori e nessun utente online

Sei qui: Home Guarigione spirituale e forze occulte