Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

vedanta.it

Mère

ll suo nome d'origine è Mirra Alfassa  (1878-1973) e nasce a Parigi da padre turco e da madre egiziana. Plurilaureata e di formazione scientifico-materialistica, interessata al mistero della Materia, approda presto in India dove vi rimarrà per il resto della sua vita sempre ricercando la verifica ad una straordinaria ipotesi: il nuovo salto evolutivo sarà cosciente e avverrà se saremo capaci, pochi o tanti, di liberare e di purificare le nostre cellule dal loro asservimento allo "stupido" e millennario programma di morte.

Il contesto storico
Mère vive la sua prima giovinezza a Parigi, nel cuore dell'Occidente positivista. Di cultura solidamente scientifica, si trova nella paradossale condizione di vivere nel proprio corpo fenomeni che nè la fisica nè la biologia sanno spiegare (pare che entrasse ed uscisse dal proprio corpo come nulla fosse). Per l'idiosincrasia che Mirra prova verso i "fenomeni" e i "miracoli", questi suoi "poteri" non la consegnano ad un facile misticismo, ma anzi contribuiscono a rinforzarla nella sua ricerca attorno al mistero della Materia.
Nel 1914 giunge in India dove conosce Sri Aurobindo. Con quest'ultimo condividerà per più di trent'anni la ricerca e la sperimentazione attorno al salto evolutivo della Specie. Insieme fondano l'Ashram a Pondichéry: una sorta di comunità cosmopolita finalizzata al conseguimento dei loro obiettivi; sarà qui che Mirra verrà ribattezzata "Mère" (la Madre). Nel loro sodalizio si considerano l'uno (Aurobindo) la "mente" e l'altra (Mère) il "laboratorio vivente" in cui operare quelle mutazioni che insieme avevano ipotizzato.
Nel 1950 Aurobindo "decide di morire" lasciandole la guida dell' Ashram ed il compito di completare gli esperimenti intrapresi per il quale, tra l'altro, la riteneva più idonea.
Mère non scrisse mai nulla. Le sue elaborazioni furono raccolte dal suo allievo prediletto, Satprem. Questi le pubblicò in una trilogia dedicata al suo pensiero e in una voluminosa agenda dedicata alla cronaca dettagliata delle esperienze di Mère nel suo viaggio "verso la Materia".

Il pensiero
Mère era convinta che tutte le conoscenze razionali, le filosofie, le scienze e le religioni ecc. non fossero di alcuna utilità all'evoluzione innestandosi in un corpo che resta obbediente nelle sue cellule al programma di morte che tutto invalida. Mère conosce e percepisce la Totalità. Non ama la scissione nè l'idea di uno Spirito altro da questo mondo materiale. Il mistero e la via d'uscita dai limiti della materia sono nascosti proprio nel mondo materiale. "A noi spetta di trovare la via o tutto resta Menzogna", resta la malattia, resta la pesantezza, l'opacità, la morte e il bisogno di un al di là consolatorio.
Occorre decondizionarsi e liberarsi di ogni "sovrastruttura" per incontrare l'"Orrenda Cosa": "il corpo vivo e basta, poroso, che si fa attraversare da tutto". E quando ci si arriva non si può che proseguire nella ricerca essendo insostenibile il dolore o l'energia che a questo punto si sperimenta. Il corpo non è più un corpo privato e personale ma è Il Corpo materiale del mondo. Mère racconta l'esperienza vissuta di infinito dolore proveniente "dalle cattive vibrazioni del mondo", e dalle altrui menzogne contro le quali, in questo stato coscienziale, non aveva alcuna difesa (nè voleva averne!).
Sempre a proposito della morte ella dice: "La morte non è una cosa inevitabile: è un incidente sempre accaduto finora....E' solo una cattiva abitudine".
Mère "si era messa in testa di vincere questa menzogna del corpo". Il corpo non è materialista o spiritualista, occidentale o indù; così come l'Evoluzione non è una fantasia di Darwin.
E per procedere? Chi cerca risposte e regole resterà frustrato.
"Sono i nostri cervelli che hanno bisogno di sapere, cioè di avere sotto gli occhi una mappa per sapere dove andare. Ma la mappa non serve per il corpo.
Il mondo nuovo sta appunto nel procedere stesso. La mappa invece è solo l'aspirazione e tutti i corpi che vorranno compiere il tragitto hanno bisogno solo di quell'aspirazione. In fondo il tragitto dal protoplasma in qua altro non è che questo: un'aspirazione." "Noi non sappiamo quale sia il quadro del mondo. Di certo i nostri paradisi non sono a milioni di leghe, nè per domani, nè per altre vite. La vita totale è qui, la morte è soltanto il tragitto della nostra incoscienza.
In realtà viviamo in un mondo infinitamente leggero, fluido, flessibile, incredibile - ma non ci crediamo. Crediamo invece alla morte, a Newton, alle leggi di Mendel e a tutte quelle implacabili equazioni dei medici e dei giudici di una piccola bolla colorata soffiata proprio da loro." 
Mère dunque non ci lascia un manuale pratico della trasformazione ma alcuni principi basilari per cercare di giungere al "Sovramentale" (lo stato di coscienza superiore di cui parlò Aurobindo). Citiamo alla rinfusa: Allenare il vissuto di uguaglianza e identità - Espandere illimitatamente la coscienza (il che equivale a dire svuotarla costantemente di ogni contenuto) - Percepirsi nella propria natura ondulatoria e dunque nella propria dinamica resistendo all'antica abitudine di identificarsi con ruoli, vicende e immagini fissate - Percepire l'identicità di Essere e Divenire - Superare l'alterità - Superare la relazione - Nessuna esteriorità - Solo un'intensità d'invocazione - Favorire un movimento d'identificazione con il Centro, con una Volontà per cui "tutto va bene" - Essere spettatori del proprio corpo -"Non avere problemi".
Mère ha combattuto la Morte. Sicuramente non ha raggiunto lo scopo della sua ricerca ma a lei va tutta l'ammirazione che si ha per ogni pioniere e tutta la simpatia per gli eroi che come tali combattono, "muoiono" e sempre da soli.
"Mi domando -si confida con Satprem poco prima di morire - perchè Sri Aurobindo se ne sia andato senza rivelare il suo segreto. Mi ha detto che se ne andava apposta, mi ha detto che era necessario che io sapessi, ma non mi ha detto se il momento non era ancora venuto. Mi ha detto: il mondo non è pronto e che se ne andava volontariamente perchè era necessario. Mi ha detto che bisognava che io restassi ma non mi ha detto se ci sarei riuscita o no".

Opere
Scritte da Satprem: "Il materialismo Divino" , "La nuova specie", "La mutazione della morte", "L'agenda di Mère. 1951-1973".

Maurobindo, Aprile 2002 - Scritto inviato su ML Advaita Vedanta

NOTIZIA SUL COPYRIGHT: 
I contenuti di questo documento sono protetti dalla legge italiana sul diritto d'autore, Copyright ©Associazione Vidya Bharata, Catania, Italia. Di questo testo si può fare una copia digitale o una stampa solo per un uso personale, non commerciale o pubblica, sotto le condizioni che si può copiare questo documento senza modifiche e nella sua interezza, includendo queste notizie sui diritti d'autore e i riferimenti dell'Associazione.

Vidya Bharata - Edizioni I Pitagorici © Tutti i diritti riservati.  
Tutti i diritti su testi e immagini contenuti nel sito sono riservati secondo le normative sul diritto d’autore.

Chi è online

Abbiamo 45 visitatori e nessun utente online