Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.

vedanta.it

Articoli

La "Festa delle lampade", si celebra negli ultimi due giorni della luna nera del mese di kartik  e dura cinque giorni che cadono fra Ottobre e Novembre, è una delle festività indù più importanti. 

In passato era una festa della fertilità dedicata al fuoco, con lunghe processioni verso i campi durante la raccolta. 

Durante la festa, ogni lampada viene accesa in onore della venuta di Laksmi sulla terra, per favorire il suo cammino e rendere ogni casa accessibile a questa forma del Divino adorata come apportatrice di abbondanza e prosperità.

Il primo giorno è dedicato alle dee Lakshmi e Parvati. Il secondo alla riconciliazione fra Siva e Parvati. Il terzo (di luna piena) ricorda la vittoria di Visnu sul demone Bali ed è dedicato a Lakshmi o Kali. Il quarto giorno è la vera e propria Dipavali, e ovunque si espongono lampade di terracotta a ricordo dell’incoronazione di Rama dopo l’esilio. Il quinto giorno, chiamato Yama-dvitiya, è dedicato a Yama, la Divinità che presiede la Morte.

Nell'India del Sud, alle quattro del mattino, dopo il brahmamuhurta, dopo essersi lavati, ci si cosparge il corpo di olio e aromi profumati e si indossano abiti nuovi. Ove possibile ci si bagna nelle acque di un fiume ad ulteriore purificazione. Molti colgono questa occasione per scambiarsi come dono degli abiti, è d'uso che i possidenti facciano dono di abiti ai propri collaboratori. Nel Nord, i commercianti aprono i nuovi libri contabili. 

In questo periodo i templi sono completamente adornati di lumi e sono uno spettacolo veramente stupendo.

Vidya Bharata - Edizioni I Pitagorici © Tutti i diritti riservati.  
Tutti i diritti su testi e immagini contenuti nel sito sono riservati secondo le normative sul diritto d’autore.

Chi è online

Abbiamo 362 visitatori e nessun utente online

Sei qui: Home