Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Morte... così presto.

Utilizzate questo forum per qualsiasi argomento non categorizzato altrove.
Rispondi
Avatar utente
A-U-M
Messaggi: 40
Iscritto il: 17/02/2017, 15:54

Morte... così presto.

Messaggio da A-U-M » 30/12/2019, 14:20

[...]se noialtri dovessimo sperimentare il terrore della morte - come accaduto a Ramana - ci porterebbero al pronto soccorso in preda a un attacco di panico.
Altroché liberazione!
Mo' me avete provocato...
E' venuto fuori questo argomento, in un dialogo precedente, e non ho potuto resistere a fare una domanda che non mi stupirebbe se fosse stata già trattata ampiamente, ma non trovandola nei termini in cui la sto ponendo, faccio la domanda che, in altri forum (più di quindici anni fa almeno, quando frequentavo internet più seriamente), provocava domande "deludenti" (nel senso che mi dispiaceva vedere come la morte sia a malapena affrontata, ed in questo atteggiamento rientra secondo me anche l'averne eccessiva paura o angoscia): avete mai pensato di stare per morire? Come è stato?
Non intendo "come è stato" dal punto di vista fisico e sensoriale (dolore, ecc.), ma in senso più psicologico (in generale), e in particolare nel caso la morte sembrasse imminente (non, ad esempio, pensarci durante lunghe malattie).

ortica
Messaggi: 256
Iscritto il: 17/03/2017, 10:29

Re: Morte... così presto.

Messaggio da ortica » 30/12/2019, 16:04

Perché vuoi saperlo?
Forse, se prima raccontassi come è stato per te, ci sarebbero maggiori probabilità di condivisione.

cielo
Messaggi: 772
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Re: Morte... così presto.

Messaggio da cielo » 30/12/2019, 16:27

A-U-M ha scritto:
30/12/2019, 14:20
[...]se noialtri dovessimo sperimentare il terrore della morte - come accaduto a Ramana - ci porterebbero al pronto soccorso in preda a un attacco di panico.
Altroché liberazione!
Mo' me avete provocato...
E' venuto fuori questo argomento, in un dialogo precedente, e non ho potuto resistere a fare una domanda che non mi stupirebbe se fosse stata già trattata ampiamente, ma non trovandola nei termini in cui la sto ponendo, faccio la domanda che, in altri forum (più di quindici anni fa almeno, quando frequentavo internet più seriamente), provocava domande "deludenti" (nel senso che mi dispiaceva vedere come la morte sia a malapena affrontata, ed in questo atteggiamento rientra secondo me anche l'averne eccessiva paura o angoscia): avete mai pensato di stare per morire? Come è stato?
Non intendo "come è stato" dal punto di vista fisico e sensoriale (dolore, ecc.), ma in senso più psicologico (in generale), e in particolare nel caso la morte sembrasse imminente (non, ad esempio, pensarci durante lunghe malattie).
C'è stato un certo sgomento di percepire "me", come centro autoreferenziale di consapevolezza, collocato fuori dalla cara brocca (per rimanere in tema) del corpo.
Come un urlo: "Accidenti! il corpo non si muove! Sarò morta?"
Poi, siccome non era evidentemente giunta l'ora della dipartita dalla cara brocca, ci sono rientrata, con sforzo e determinazione ho riportato il centro di percezione all'interno del corpo, l'ho come rianimato. In un caso ho dovuto usare molta concentrazione e il ricordo è traccia indelebile.

Finalmente la chiave ha girato nella serratura, il respiro è tornato nelle narici, il cuore si faceva sentire prepotente (e spaventato, probabilmente) e piano piano ho capito che ero sveglia in quel contenitore pronto all'azione ancora per un po'.
Un po' come al risveglio dall'anestesia.
Bang! prima non c'eri, eri in una sorta di oblio di sonno profondo. Spento il pc. Poi finito l'effetto delle sostanze ci si sveglia con qualcuno che ti guarda negli occhi e ti parla e allora torna la memoria, il "chi sei", nome e forma e il gioco ricomincia.
Come diceva Ramana: "Hai paura di addormentarti?" "No? e allora perchè hai paura di morire?"

Avatar utente
A-U-M
Messaggi: 40
Iscritto il: 17/02/2017, 15:54

Re: Morte... così presto.

Messaggio da A-U-M » 20/02/2020, 10:13

Non avevo piu risposto perché devo avere il permesso per collegarmi con il "mondo estremo", e capita relativamente di radio. Avevo fatto la domanda perché la parte che avevo citato mi aveva fatto venire in mente che quelle volte che avevo pensato di stare fisicamente per morire sembravo interiormente tranquilo, più che calmo, pur non essendo io né distaccato come un saggio né fisicamente coraggioso né desideroso di morte. Forse aver sprecato la maggior parte della vita con interessi elevati è stato sufficiente per questo pur senza diventare un nuovo Ramana Maharishi. O forse semplicemente per istinto e magari anche per qualche intuito più profondo, sappiamo quando le avvisaglie di morte sono fasulle.

cielo
Messaggi: 772
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Re: Morte... così presto.

Messaggio da cielo » 20/02/2020, 21:16

A-U-M ha scritto:
20/02/2020, 10:13
Non avevo piu risposto perché devo avere il permesso per collegarmi con il "mondo estremo", e capita relativamente di radio. Avevo fatto la domanda perché la parte che avevo citato mi aveva fatto venire in mente che quelle volte che avevo pensato di stare fisicamente per morire sembravo interiormente tranquilo, più che calmo, pur non essendo io né distaccato come un saggio né fisicamente coraggioso né desideroso di morte. Forse aver sprecato la maggior parte della vita con interessi elevati è stato sufficiente per questo pur senza diventare un nuovo Ramana Maharishi. O forse semplicemente per istinto e magari anche per qualche intuito più profondo, sappiamo quando le avvisaglie di morte sono fasulle.
E' vero, condivido, sappiamo quando le avvisaglie di morte sono fasulle, per qualche intuito più profondo dell'immortalità che siamo in corpo umano.

Rispondi