Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Pensiero del Giorno

Utilizzate questo forum per qualsiasi argomento non categorizzato altrove.
ortica
Messaggi: 262
Iscritto il: 17/03/2017, 10:29

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da ortica » 25/07/2017, 11:23

Il Gatto si limitò a sorridere quando la vide. Sembrava ben disposto, ella pensò: tuttavia aveva delle unghie molto lunghe e tanti, tantissimi denti; capì che andava trattato con rispetto.
«Micio bello del Cheshire» cominciò con un certo timore, siccome non sapeva se gli fosse gradito essere chiamato così: comunque, quello allungò un poco il sorriso. «Bene, fin qui è contento» pensò Alice, e soggiunse, «Mi vuoi dire, per favore, quale strada devo prendere per uscire di qui?»
«Dipende in gran parte da dove vuoi andare» rispose il Gatto.
«Non mi importa dove -» disse Alice.
«Allora non importa nemmeno quale strada prendi» replicò il Gatto.

Lewis Carrol
Alice nel paese delle meraviglie


Il sorriso dello Stregatto

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 26/07/2017, 11:09

Immagine

«La società, che ha creato tutti questi sociopatici, ha inventato la morale per proteggersi da loro.
La società ha creato i "santi" e i "peccatori". Io non li accetto come tali.»

«La natura non sembra usare nulla come modello. Appena perfeziona un individuo unico, quell'individuo viene buttato fuori dal processo evolutivo e non ha alcun interesse per la natura.»

Uppaluri Gopala Krishnamurti, in ugkrishnamurti.org

Mauro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Mauro » 26/07/2017, 15:55

“Il modo migliore per difendersi da un nemico è di non comportarsi come lui.”

Marco Aurelio, Pensieri

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 949
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

A chi importa?

Messaggio da Fedro » 01/08/2017, 17:11

]Ogni mese, un discepolo era solito scrivere al Maestro un breve resoconto del suo progresso.

Il primo mese, gli scrisse: “Provo un’espansione di coscienza e sperimento la mia unità con l’universo.”
Il Maestro sorrise e gettò la lettera nel cestino.

Il mese seguente , il discepolo gli scrisse: ”Ho finalmente scoperto che il Divino è presente in tutte le cose”.
Il Maestro rimase impassibile.

Al terzo mese, le parole del discepolo esprimevano con entusiasmo: ”Il mistero dell’Uno e dei molti mi è stato rivelato e sono in uno stato di totale meraviglia”. Il Maestro scosse la testa e ancora una volta gettò via la lettera.

Nella lettera seguente il discepolo asseriva: “Nessuno è mai nato, nessuno vive, nessuno muore, perchè l’ego non esiste”.
Il Maestro alzò le braccia al cielo in un gesto di disperazione.

Passò un mese, poi due, poi cinque e infine, dopo un anno di silenzio, il Maestro ritenne fosse giunto il momento di ricordare al discepolo che era suo dovere tenerlo informato sul suo progresso spirituale.

Il discepolo scrisse: ”A ‘chi’ importa?”

Quando il Maestro lesse questa frase, il suo volto s’illuminò di profonda soddisfazione.


Ramesh Balsekar

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 949
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 07/08/2017, 8:18

"Molti confondono la suprema libertà del Conoscitore, pienamente consapevole della Realtà assoluta, con le sue azioni,con il suo dire, convinti che la Realtà o anche l'Essere siano delle nozioni acquisibili attraverso la conoscenza indiretta come l'ascolto o la lettura"

Bodhananda

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 08/08/2017, 14:06

«Il ricercatore è un segugio che fiuta e rifiuta, e finisce per rifiutare tutto.»

Upekkhā, tratto da Dire «io» è tarparsi le ali - Massime per la liberazione, ed. Promolibri (ora edizioni Magnanelli) pp. 64, Torino, 1998

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 10/08/2017, 9:56

«Quando [la liberazione] è turbata e si disperde negli oggetti molteplici, si chiama mente; quando è persuasa d'una sua intuizione, si chiama intelligenza; quando, stoltamente, si identifica con una persona, si chiama io; quando, invece d'indagare in maniera coerente, si frammenta in una miriade di pensieri vaganti, si chiama coscienza individuale; quando il movimento della coscienza, trascurando l'agente, si protende al frutto dell'azione, si chiama fatalità; quando si attiene all'idea "L'ho già visto prima" in rapporto a qualcosa di veduto o non veduto, si chiama memoria; quando gli affetti di cose godute in passato persistono nel campo della coscienza anche se non si scorgono, si chiama latenza inconscia; quando è consapevole che la molteplicità è illusoria, si chiama sapienza; quando, in direzione opposta, si oblia nelle fantasie, si chiama mente impura; quando si trattiene nell'io con le sensazioni, si chiama sensibilità; quando rimane non manifestata entro l'essere cosmico, si chiama natura; quando suscita confusioni fra realtà e apparenza, si chiama illusione; quando si discioglie nell'infinito, si chiama liberazione: pensa "sono legato" e c'è l'asservimento, pensa "sono libero" e c'è la libertà».

Yogavasistharamayana, citato da Elémire Zolla in Archetipi, Marsilio Editori, Venezia, 1988

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 949
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 11/08/2017, 7:39

"... lascia scorrere tutto e meravigliati pure.

Un'unica cosa... non ci credere. Mai.

Non sono informazioni da credere, le puoi dire, sono anche vere, ma solo sino a che non ci credi.

Se ci credi divengono memoria, simboli, altro da ciò che sono, divengono conoscenza indiretta, mediata."

(..da colloqui privati con Premadharma)

ortica
Messaggi: 262
Iscritto il: 17/03/2017, 10:29

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da ortica » 14/08/2017, 16:23

Narra la leggenda che una bella mattina Agostino, vescovo d'Ippona, se ne andò sulla spiaggia a passeggiare, com'era sua consuetudine, immerso in profonde riflessioni riguardanti la natura di Dio.
Passeggiando passeggiando, oltrepassò un bambino che, munito di paletta e secchiello, faceva la spola tra il mare e una buca scavata nella sabbia.
Dapprima Agostino non lo notò, tanto la forza dei suoi pensieri lo distraeva, ma poi, accortosi di lui, se ne stette per un po' ad osservarlo in silenzio.
Stupito di quel continuo andirivieni, gli chiese:"Che fai?".
Il bambino continuò per qualche tempo nel suo lavoro, quindi si fermò, guardò il vescovo negli occhi e disse: "Cosa faccio? Non vedi? Metto il mare nella buca!"
Agostino sorrise dell'inane sforzo del fanciullo e rispose: "Stai sprecando il tuo tempo, non ci riuscirai mai. Come puó quella piccola buca contenere l'immensità del mare?"
Il bambino sorrise a sua volta e sussurrò: " E allora tu? Come puó la tua minuscola mente contenere l'infinità di Dio?".

Il vescovo d'Ippona - narra la leggenda - restò lì, senza parole.
E il fanciullo disparve.

lux o
Messaggi: 38
Iscritto il: 08/05/2017, 19:14

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da lux o » 14/08/2017, 18:35

di gocce d'acqua è il vasto mare
una è tutte e tutte è una

di eterni pensieri infiniti è la mente di dio
uno è tutti e tutti è uno

Vuoto e Pieno


dal 'tao del mare e del pensare' di lux o

ortica
Messaggi: 262
Iscritto il: 17/03/2017, 10:29

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da ortica » 16/08/2017, 11:58

Non c'è luogo al mondo in cui Dio sia più presente del cuore umano. È il cuore dell’uomo la vera dimora di Dio, il tempio del silenzio.

Non parlo unicamente di una solitudine o di uno spostamento geografico, ma di uno stato interiore. Non è sufficiente tacere. Bisogna diventare silenzio. Poiché prima ancora del deserto, della solitudine e del silenzio, Dio si trova già nell’uomo. Il vero deserto è dentro di noi, nella nostra anima. Forti di questa consapevolezza, possiamo comprendere che il silenzio è indispensabile per trovare Dio. Il Padre attende i propri figli nel loro cuore.

È necessario uscire dal tumulto interiore per trovare Dio. Nonostante l’agitazione, il commercio, il facile piacere, Dio rimane silenziosamente presente. È in noi come un pensiero, una parola e una presenza le cui sorgenti segrete sono nascoste in Dio stesso, inaccessibili agli sguardi umani. La solitudine è lo stato migliore per ascoltare il silenzio di Dio. Per colui che vuole trovare il silenzio, la solitudine è la montagna che bisogna scalare. Se un uomo si isola, andando in un monastero, egli prima di tutto va a cercare il silenzio. E perciò la meta della sua ricerca si trova in lui.
La presenza silenziosa di Dio abita già nel suo cuore. Il silenzio che confusamente ricerchiamo si trova nel nostro cuore e ci rivela Dio.
Ahimè! Le potenze mondane che cercano di plasmare l’uomo moderno rifuggono sistematicamente il silenzio. Non ho timore ad affermare che i falsi sacerdoti della modernità, che dichiarano una specie di guerra al silenzio, hanno perduto la battaglia. Poiché possiamo restare silenziosi in mezzo alla più grande confusione, all’agitazione più abietta, in mezzo al chiasso e allo stridore di queste macchine infernali che spingono al funzionalismo e all’attivismo e che ci allontanano da ogni dimensione trascendente e da ogni forma di vita interiore.


Robert Sarah
La forza del silenzio, contro la dittatura del rumore, 4-5-6
edizioni Cantagalli

latriplice
Messaggi: 589
Iscritto il: 05/12/2016, 14:19

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da latriplice » 22/08/2017, 14:53

Se ti distacchi dal corpo e dimori nella Coscienza, sarai subito felice, in pace e libero dalla schiavitù.

Versetto 4, Capitolo 1, Istruzioni sull'autorealizzazione, Ashtavakra Gita.



https://www.youtube.com/watch?v=fIz3qcwKjqY

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 949
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 23/08/2017, 7:28

"Perché così poche persone sono veramente libere?
Perchè quasi tutte, cercano di conformarsi alle idee, ai concetti e alle credenze che hanno in testa.
Fai un passo indietro verso l'ignoto. "

Adyashanti

latriplice
Messaggi: 589
Iscritto il: 05/12/2016, 14:19

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da latriplice » 24/08/2017, 2:05

Per l'advaita l'ignoranza è il problema e la conoscenza è la soluzione.

Per lo yoga l'irrequietezza della mente è il problema e la meditazione è la soluzione.

Per la bhakti la mancanza di di fede in Dio è il problema e la devozione è la soluzione.


Swami Sarvapriyananda


https://www.youtube.com/watch?v=o-RFz56gb9E

Mauro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Mauro » 27/08/2017, 11:02

Sia dannata ogni morale che non vede l'essenziale legame fra tutti gli occhi che guardano il sole.

A. Schopenhauer

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 949
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 30/08/2017, 6:58

LA ROTTURA E LA RIPARAZIONE

Prima c'è la rottura.
Vecchi dolori tornano in superfice, eruttando dalle profondità dell'inconscio.

Lo status quo è distrutto.
Ti senti disorientato, senza basi, senza sapere che strada prendere. Un antico mondo è crollato, un nuovo mondo non si è ancora formato.

Incontri così lo strano spazio dell'adesso.
Pura presenza, cruda, non protetta da vecchi sogni, niente a cui aggrapparsi.

Anche le tue datate ideazioni su Dio crollano.
E poi ti ricordi di respirare, e sentire i tuoi piedi sul pavimento, e osservare la mente girare, piuttosto che perdertici dentro.

Il mondo è fuori controllo ma tu no.
Tu senti ciò che senti. Spaventato. Arrabbiato. Insensibile. Triste. Solo. Insicuro. Chissenefrega. Scegli di dedicarti a sentirti interamente oggi, a non dissociarti questa volta. Una sensazione è solo una sensazione, non un fatto, e la presenza la può sostenere.

E piangi, lacrimi, urli, ma ti stai riparando.
Ti sei rotto per ripararti, ti sei aperto per guarire. Vecchie energie sono emerse solo per essere benedette con amore, accettazione, tenerezza.

Non puoi tornare indietro a come le cose erano un tempo.
Non puoi coprirti gli occhi di fronte a ciò che ormai hai visto. Ma puoi essere presente, oggi. E fare ogni passo coscientemente nell'adesso, non automaticamente, abitualmente, ma consapevolmente, con premura. Trovando gratitudine per ogni ulteriore momento in cui sei vivo.

E restando vicino a te stesso adesso, mentre cammini su questo sentiero sconosciuto con coraggio, e con una nuova sicurezza.

- Jeff Foster

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 949
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 31/08/2017, 7:07

"La verità non cambia mai, ma le espressioni della verità sono in continuo cambiamento, continuamente nuove. E’ solo la persona che, in una ricerca di sicurezza, crea la ripetizione. Quando fate fronte alla vita, non dovete mai guardarla attraverso la memoria.

Siate liberi dalla memoria. Voi fate intervenire certe attitudini, come l’eredità che viene da vostro padre, da vostra madre, e così certe cose apprese, il modo di comportarsi, acquisito nella vostra educazione e nella vostra esperienza.

Tutto questo appartiene alla vostra personalità. Quando affrontate la vita senza fare intervenire la memoria e accettando totalmente i fatti, vi trovate aperti alla vita; in quella apertura c’è intelligenza, c’è sensibilità. La vera personalità viene dall’istante, dalla situazione stessa. Non c’è niente di personale nell’intelligenza e la sensibilità. La vera personalità sorge con la situazione e si dissolve con la situazione, non lasciando alcun residuo.

Siate liberi dalla memoria. Non ci sono compromessi. Agite secondo la situazione. Così non c’è niente di personale nella vera personalità. Quando agite in accordo con la situazione, c’è un’azione senza intenzione, libera dall’ego. In altre parole, l’azione vera si stacca dall’azione personale. Dovete distaccarvi dall’obbiettivo. Per raggiungere lo scopo, bisogna staccarsi dallo scopo."

Jean Klein

Mauro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Mauro » 31/08/2017, 13:29

"Vocatus atque non vocatus Deus aderit".
(Chiamato o non chiamato, Dio ci sarà).

Responso dell' oracolo di Delfi ai Lacedemoni che intendevano muovere guerra agli ateniesi.

latriplice
Messaggi: 589
Iscritto il: 05/12/2016, 14:19

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da latriplice » 01/09/2017, 3:43

"Quando osservo il mio viso nello specchio quello che vedo è lo specchio ed il viso riflesso.

Non vedo il mio viso originale e dimenticandolo penso che il viso riflesso nello specchio sia ciò che sono.

L'intento del Vedanta è di riportarmi dal viso riflesso nello specchio al viso originale.

Ma il problema è che non posso vedere il mio viso direttamente.

Il viso riflesso nello specchio esiste solo grazie al viso originale, ma rende possibile al viso originale di manifestarsi come un oggetto visibile.

E la contemplazione del viso riflesso in quanto espressione del viso originale (che io sono), è illuminazione.

Lo specchio con il passare del tempo può deteriorarsi e l'immagine riflessa risultare alterata, ma il tuo viso nonostante le apparenze rimane intatto.

La distanza che separa il viso riflesso nello specchio (che penso di essere) dal viso originale si chiama ignoranza."


https://www.youtube.com/watch?v=89OsBaixqnM

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 949
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 01/09/2017, 8:24

Talvolta si ritiene che ogni verità vada detta, quale che sia la sua profondità, quali che siano stati i passi per coglierla, quale che sia la coscienza per fissarla. Indifferenti se l'interlocutore abbia la consapevolezza per comprenderla, indifferenti se gli astanti la trasformino in credenza.

Questo in nome del principio che il vero deve essere detto, principio osannato da chi il vero non conosce né mai forse conoscerà.

Osservando vediamo Paolo di Tarso indirizzare delle isolate parole di amore di un falegname palestinese verso chi ne ha fatta una delle armi più letali mai esistite contro l'umanità. Le credenze si associano spesso con interessi politici, economici e sociali, generando così ondate umane che distruggono ogni "bio" diversità.

Si è così centrati sull'io identificato con la mente che non si vede il danno che parole di verità portano a chi non è pronto ad esse.

Vediamo delle parole indubbiamente d'effetto e splendide per un monaco rinunciante, un poco meno per un giovane, uno studente:

Indaga su tutto, non credere a niente. 

Tutto quello che ti hanno detto su di te viene dall’esterno, quindi abbandonalo.

Per trovare CHI sei trova prima che cosa non sei.

Per lasciar andare qualcosa devi prima sapere cos’è.

Chi sperimenta fa parte dell’esperienza.

Tutto ciò che pensi di essere non lo sei


- Nisargadatta Maharaj -


(Premadharma
da forum i Pitagorici, Responsabilità della parola, Jnana Yoga)

Rispondi