Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Omaggio a Carla Perotti

Nuovi libri, letture, corsi, eventi che proponete.
Rispondi
cielo
Messaggi: 836
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Omaggio a Carla Perotti

Messaggio da cielo » 16/02/2018, 12:19

Carla Perotti, nata a Torino nel 1929, laureata in filosofia, scrittrice e giornalista, ha lasciato il corpo la settimana scorsa.

Carla ha praticato e condiviso per sessant'anni l’esperienza dello yoga tradizionale indiano e gli insegnamenti ricevuti nel corso della sua lunga e feconda vita.

Allieva di George Dharmarama (hatha yoga) e di Jean Klein (metafisica-vedanta advaita), nel 1958 fondò a Torino l’Associazione culturale italo-indiana con Dharmarama e successivamente il Centro Sadhana (il cui nome venne scelto da J. Klein) dove si tengono ancora oggi conferenze, incontri culturali, manifestazioni legate alla musica e alla cultura dell’India, corsi di yoga, gruppi di meditazione, pratiche dirette a favorire il benessere e il ripristino della salute basate anche sulla conoscenza della psiconeuroimmunologia che Carla ha maturato nel suo personale percorso di guarigione da una patologia oncologica.

E' grazie a lei che sono disponibili in italiano libri contenenti le trascrizioni delle conferenze di Jean Klein nel mondo.

Tra i suoi libri si ricordano: “Il giardino della guarigione”; "Parole di guarigione. Lo yoga per chi soffre"; "Essere yoga"; "Incontrare se stessi. Jean Klein, un maestro per la vita"; “I miei maestri”; “Gustavo Rol il mio primo maestro" (Carla, difatti, incontrò Rol quando aveva due anni perchè suo padre era molto amico di Rol, oltre che suo medico personale).

Condivido un articolo su di lei pubblicato da yoga journal.

Io la ricordo così, con un sorriso contagioso e aperto:

Immagine


"Lo spirito dell'uomo è troppo grande perché lo si possa confinare in uno spazio ed in un tempo così ristretto

come quello che un corpo fisico vive tra la nascita e la morte.

Ma l'uomo cosciente intuisce la sublime realtà di esistere,

e nel momento in cui se ne accorge accetta più facilmente i dolori e la morte.

È l'istante questo in cui l'uomo percepisce l'esistenza di un proprio spirito immortale."

Gustavo Rol


Rispondi