Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Plotino: la via e il viaggio

Antichi e moderni
Rispondi
cielo
Messaggi: 637
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Plotino: la via e il viaggio

Messaggio da cielo » 14/12/2018, 16:13

La conoscenza dell’Uno si pone al di là del sapere epistemico; essa si manifesta come presenza dell’Ineffabile, come visione. Il percorso verso l’Uno è soltanto individuale, ma utile può essere la guida di un buon maestro.

Plotino, Enneadi, VI, 9, 4


E le difficoltà ci si presentano soprattutto perché la conoscenza di Lui [dell’Uno] non si ottiene né per mezzo della scienza [kat’epistémen], né per mezzo del pensiero [katà nóesin], come per gli altri oggetti dell’Intelligenza, ma per mezzo di una presenza che vale di piú della scienza [katà parousían epistémes kreíttona].

L’anima, quando acquista la conoscenza di qualche cosa, si allontana dalla sua propria unità e non resta completamente una: la scienza, infatti, è un processo discorsivo, e codesto processo è molteplicità: perciò, una volta caduta nel numero e nella molteplicità, essa perde l’Uno.

È dunque necessario oltrepassare la scienza e non deviar mai dall’unitarietà del nostro essere; è necessario allontanarsi sia dalla scienza, sia dai suoi oggetti e da ogni altra cosa, anche se sia bella da contemplare: poiché ogni bellezza è inferiore all’Uno, come la luce del giorno deriva tutta dal Sole.

Perciò si dice che Egli è ineffabile e indescrivibile [oudè retòn oudè graptón].

E tuttavia noi parliamo e scriviamo per avviare verso di Lui, per destare dal sonno delle parole alla veglia della visione, come coloro che mostrano la strada a chi vuol vedere qualcosa. L’insegnamento può riguardare soltanto la via e il cammino; ma la visione è tutta opera personale di colui che ha voluto contemplare. [...]

Plotino, Enneadi, Rusconi, Milano, 1992, pag. 1343-1345


Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite