Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Ove si parla di un addio

Antichi e moderni
Rispondi
ortica
Messaggi: 201
Iscritto il: 17/03/2017, 10:29

Ove si parla di un addio

Messaggio da ortica » 17/01/2019, 1:26

Some years later, I was walking on a white beach, and the sun was trying to catch itself, what it has needed forever. Time was gone and I was searching something to do, anything to dream. So watching the nothing-empire I start thinking in Italian:

Non so se qualcuno leggerà queste righe, il dolore al petto si fa acuto e la speranza aumenta sempre più. Che finalmente sia venuta l’ora? Il tempo in cui anch’io potró andar via? Il corpo è sempre più stanco e forse il cuore alla fine deciderà di fermarsi. Gioisco del fatto di non avere avuto figli e quindi di non essere costretta a rimanere. Mi spiace per il dolore che qualcuno potrà provare, ma se moriró sarà perché così doveva essere e ne sarò felice. Vorrà dire che tutto ciò per cui sono venuta è stato compiuto. Mi dolgo di non aver saputo dare di più agli altri, ma se aveste colto la sofferenza che ho provato nell’accompagnarmi al mondo... O forse sarebbe meglio dire la fatica? Non voglio andare dal medico! Non voglio perdere la speranza di morire o temo che si sappia e mi costringano a curarmi e rimanere. Mi scuso con chi mi ha amato o con chi ha creduto di farlo. Ho assaporato ogni momento che mi avete donato, non crediate che non lo abbia apprezzato anche se forse mai l’ho mostrato. Non crediate che vada via perchè non vi amo abbastanza; forse dovrò tornare ancora e vi prometto che forse saremo ancora insieme.

Don’t you think that this life is totally without any clearance?

Lasciatemi per un attimo sognare di non nascere più, in questo mondo così stupendo e perfetto quando, nel distacco, se ne coglie l’essenza; mondo assiale ma difficile da vivere senza cogliere la continua identificazione. È stato così atroce morire e rinascere perché il lavoro non era compiuto. Adesso spero che sia finito.

Et in arcadia ego animam recepi - Quattro vite nate altrove
Sigife Auslese
edizioni I Pitagorici
(opera in preparazione)

Quaderni Advaita & Vedanta
17 gennaio 2019
nr. 163

Rispondi