Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Pensiero del Giorno

Utilizzate questo forum per qualsiasi argomento non categorizzato altrove.
latriplice
Messaggi: 589
Iscritto il: 05/12/2016, 14:19

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da latriplice » 23/12/2016, 2:41

Hare Krishna Hare Krishna! Krishna Krishna Hare Hare! Hare Rama Hare Rama Krishna Krishna Hare Hare! :)

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 945
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 23/12/2016, 7:24

Mezzanotte. Non onde,

non vento, la barca vuota

è inondata dalla luce lunare.

Dogen

seva
Messaggi: 126
Iscritto il: 29/09/2016, 11:45

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da seva » 23/12/2016, 8:05

Il Pensiero del Giorno è l'argomento apposito dove riportare citazioni da proporre per una riflessione quotidiana. È opportuno usare questo argomento solo per le citazioni. Ove ci fossero delle riflessioni da condividere si apra un altro argomento, lasciando questo libero da dialoghi vari.

Mauro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Mauro » 24/12/2016, 10:01

"vai cercando qua vai cercando lá, ma quando la morte ti coglierà, che ti resterà delle tue voglie?"

http://www.youtube.com/watch?v=o1Hbjq73 ... ata_player

P.S. È riferito a me.

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 945
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 25/12/2016, 8:10

"C'è più realtà e sacralità in un filo d'erba, che in tutti i nostri pensieri e idee sulla realtà.
Sta dentro la tazza del tuo te', nella brezza che discende, spazzolando i denti, in ogni momento del vivere e morire.
Abbandona quindi il tuo pensiero condizionato, e lasciati guidare dal filo interiore del silenzio e della consapevolezza. oltre ogni percorso, in quel luogo sacro ove affondi. "

( Adyashanti)

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 26/12/2016, 11:12

Anche se si riflette in vari oggetti, il sole non è mai diviso, né ha nulla a che fare con i suoi riflessi. Solo gli sciocchi prenderebbero in considerazione il sole in questo modo. Allo stesso modo, anche se l'anima si riflette attraverso innumerevoli corpi materiali, rimane indivisa e non-materiale.

Uddhava Gita, I, 51

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 945
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 27/12/2016, 7:06

"Dio ha aperto i miei occhi, così ho visto la nobiltà del volgare e l’attrazione del ripugnante, la perfezione del deforme e la bellezza dell’orrendo."
Aurobindo

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 27/12/2016, 12:03

Non sono la mente né l’intelletto né il pensiero
Né il senso dell’ io.
Non sono l’udito né il gusto né l’odorato né la vista.
Non sono l’etere né la terra né il fuoco né l’aria.
Sono Coscienza e Beatitudine assolute
Sono Siva, sono Siva.

Non sono il prana né i cinque soffi vitali
Non sono i sette elementi costitutivi del corpo né le cinque guaine.
Non sono la parola né le mani né i piedi, né gli organi di generazione o di escrezione.
Sono Intelligenza e Beatitudine assolute
Sono Siva, sono Siva.

Non possiedo né attrazione né avversione né avidità né turbamento.
Non provo orgoglio, né invidia.
Non ho desideri, fini, doveri, né liberazione da augurarmi.
Sono Intelligenza e Beatitudine assolute
Sono Siva, sono Siva

Per me non esistono né le buone né le cattive azioni, né il piacere né la sofferenza.
Non esistono le cerimonie rituali, i luoghi santi,i Veda o l’atto sacrificale.
Non sono il fruire né l’oggetto di fruizione e neppure il soggetto che fruisce.
Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.
Sono Siva sono Siva.

Non conosco la morte né il dubbio né le distinzioni degli ordini sociali.
Non ho padre né madre. Non sono mai nato.
Non ho alcun amico, parente, né maestro né discepolo.
Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.
Sono Siva, sono Siva.

Sono non-determinato, senza forma.
Per la mia onnipresenza, non ho relazione con gli organi dei sensi.
Non ho da conseguire alcuna liberazione.
Non sono il soggetto conoscente e nemmeno l’oggetto conosciuto perché
Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.
Sono Siva, sono Siva.

Sankaracarya [Nirvanasatkam]

anam

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da anam » 28/12/2016, 9:00

La passione delle pazienze

La passione, la nostra passione, sì, noi l’attendiamo. Noi sappiamo che deve venire, e naturalmente intendiamo viverla con una certa grandezza.

Il sacrificio di noi stessi: noi non aspettiamo altro che ne scocchi l’ora.

Come un ceppo nel fuoco, così noi sappiamo di dover essere consumati. Come un filo di lana tagliato dalle forbici, così noi dobbiamo essere separati. Come un giovane animale che viene sgozzato, così noi dobbiamo essere uccisi.

La passione, noi l’attendiamo. Noi l’attendiamo, ed essa non viene.

Vengono, invece, le pazienze.

Le pazienze, queste briciole di passione, che hanno lo scopo di ucciderci lentamente per la tua gloria, di ucciderci senza la nostra gloria.

Fin dal mattino esse vengono davanti a noi:

sono i nostri nervi troppo scattanti o troppo lenti,

E’ l’autobus che passa affollato;

il latte che trabocca,

gli spazzacamini che vengono,

i bambini che imbrogliano tutto.

Sono gli invitati che nostro marito porta in casa e quell’amico che, proprio lui, non viene;

E’ il telefono che si scatena;

quelli che noi amiamo e non ci amano più;

E’ la voglia di tacere e il dover parlare,

E’ la voglia di parlare e la necessità di tacere;

E’ voler uscire quando si è chiusi

e rimanere in casa quando bisogna uscire;

E’ il marito al quale vorremmo appoggiarci

e che diventa il più fragile dei bambini;

E’ il disgusto della nostra parte quotidiana,

E’ il desiderio febbrile di tutto quanto non ci appartiene.

Così vengono le nostre pazienze, in ranghi serrati o in fila indiana, e dimenticano sempre di dirci che sono il martirio preparato per noi.

E noi le lasciamo passare con disprezzo, aspettando – per dare la nostra vita – un’occasione che ne valga la pena.

Perché abbiamo dimenticato che come ci son rami che si distruggono col fuoco, così ci son tavole che i passi lentamente logorano e che cadono in fine segatura.

Perché abbiamo dimenticato che se ci sono fili di lana tagliati netti dalle forbici, ci son fili di maglia che giorno per giorno si consumano sul dorso di quelli che l’indossano.

Ogni riscattto è un martirio, ma non ogni martirio è sanguinoso: ce ne sono di sgranati da un capo all’altro della vita.

E’ la passione delle pazienze.



Madeleine Delbrêl
Il piccolo monaco. Un taccuino spirituale
edizioni P.Gribaudi

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 28/12/2016, 12:20

Prima di poter lasciare qualcosa, devi sapere di cosa si tratta.

Nisargadatta Maharaj

seva
Messaggi: 126
Iscritto il: 29/09/2016, 11:45

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da seva » 28/12/2016, 16:01

Il Pensiero del Giorno è l'argomento apposito dove riportare citazioni da proporre per una riflessione quotidiana. È opportuno usare questo argomento solo per le citazioni. Ove ci fossero delle riflessioni da condividere si apra un altro argomento, lasciando questo libero da dialoghi vari. Le citazioni necessitano non solo il nome dell'autore, ma anche il titolo dell'opera da cui è tratta la citazione e l'editore; per permettere a chi lo desideri di approfondire il tema introdotto dalla citazione.

anam

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da anam » 29/12/2016, 10:22

I lost my way, I forgot to call on your name.
The raw heart beat against the world,
and the tears were for my lost victory.
But you are here.
You have always been here.
The world is all forgetting,
and the heart is a rage of directions,
but your name unifies the heart,
and the world is lifted into its place.
Blessed is the one who waits in the traveller’s heart for his turning.


Leonard Cohen, poem 50. from Book of mercy


Ho smarrito il cammino, ho dimenticato d'invocare il tuo nome. Il cuore crudo batteva contro il mondo, e le lacrime erano per la mia vittoria perduta. Ma tu sei qui. Sei sempre stato qui. Il mondo è tutto una dimenticanza, e il cuore un rabbioso vortice di direzioni, ma il tuo nome riunifica il cuore, e il mondo viene rimesso al suo posto. Benedetto è colui che attende nel cuore del viandante la sua conversione.

Leonard Cohen, poema 50.
Libro della Misericordia.
edizioni Minimum fax

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 31/12/2016, 9:00

«Noi crediamo di essere qualcosa di ben individuato, crediamo di essere un soggetto ben preciso o che, per lo meno, esista un soggetto di qualche fatta che possiamo essere. È estremamente difficile per un aspirante o per un discepolo accettare che la sua vera natura, o meglio tutto ciò che egli è, sia proprio quella "sensazione" di esistere.
Siamo così abituati a pensare o credere o sentire di essere "qualcosa" (un qualcosa definito e individuato", che ci rifiutiamo di vivere o vedere che noi siamo proprio e solo quello stato che chiamiamo essere).
Adesso mentre scrivo, io non sono certo Bodhananda, quello è un nome che è stato dato, né sono il nome con cui questo ente viene indicato all'anagrafe.
Sì, certo, questo corpo è stato partorito all'origine da una donna, ma "io" non sono questo corpo che si usura, che un giorno si disgregherà, né è mia questa mente che permette la formulazione delle parole, né esiste un qualche "io" che possa essere definibile.
La pratica del testimone non serve a trovare il testimone (per il semplice fatto che non esiste), ma per trovare la testimonianza. Poi possiamo chiamarla sat-cit-ananda, atman, brahman, o tao...».

Bodhananda (tratto da http://www.vedanta.it/index.php?option= ... Itemid=952 )

seva
Messaggi: 126
Iscritto il: 29/09/2016, 11:45

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da seva » 31/12/2016, 21:47

«Un avatara è l'incarnazione di un Principio divino svelatesi mediante una forma temporanea su qualche specifico livello esistenziale. Il Cristo non è venuto per confortare la psiche dell'Adamo decaduto, non è venuto per assecondare i pigri, né per innalzare sull'altare le emotive sofferenze degli uomini, ma per reintegrare il figlio ramingo al Padre per mezzo dell'iniziazione ai Misteri dell'amore cristico; iniziazione che comporta la purificazione, la trasfigurazione, la crocifissione, l'ascensione e l'unione. Queste tappe iniziatiche possono essere realizzate con lo yoga dell'amore (Prema-yoga), lo yoga del Fuoco risolvente».

Raphael, Essenza e scopo dello yoga, Asram Vidya

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 945
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Fedro » 01/01/2017, 8:03

Tu che con lancia di fiamma
Spezzi il ghiaccio dell'anima mia,
Sì che scrosciando s'affretta al mare

Della sua suprema speranza;
Sempre più chiara e sempre più sana,
Libera nel dovere più amorevole-
Così essa celebra le tue meraviglie,
Sanctus Januarius!

Genova, gennaio 1882

La Gaia Scienza
Libro Quarto
Friedrich Wilhelm Nietzsche

https://m.youtube.com/watch?v=RSPmxlNPu9s

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da NowHere » 01/01/2017, 10:15

《Anito e Meleto mi possono pure uccidere, ma non già offendere》

Socrate in Manuale di Epitteto a cura di Claudio Buffa in http://www.riflessioni.it/testi/manuale_epitteto.htm

anam

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da anam » 02/01/2017, 19:32

(20)
“Ci sono momenti in cui dopo il turbine e la sofferenza interiore sovvengono momenti di pace, allora ci si raccoglie interiormente dopo la tensione e si vive il mondo con occhi diversi, cogliendo attimi e sospiri di vita. È quello che fa più apprezzare lo scorrere del proprio tempo, è in questi momenti di calma che si scruta indietro quasi con timore e sorridendo si raccoglie quanto di sbagliato e quando forse si è peccato di presunzione. Una strana pace interiore di accettazione che sconoscevo, che non porta la mestizia temuta; fuori il mondo scorre senza provocare più voglie di fuga.
In questi giorni è come se avessi buttato fuori parte delle brutture, vivendole, immergendomi dentro e lasciando che mi sconvolgessero oltre ogni dire. Forse era l'unico mezzo tale da permettere a parti di me, da troppo ignorate, di prendere parte alla vita”.

Sigife Auslese
et in arcadia ego animam recepi
Elogio dell'illusione d'essere
edizioni I Pitagorici

seva
Messaggi: 126
Iscritto il: 29/09/2016, 11:45

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da seva » 04/01/2017, 19:49

«Così, quegli esseri insensati (mudha) che rimangono incatenati (baddha) agli oggetti dei sensi (ragorupasena) mediante la corda dell'attaccamento, difficile a spezzarsi, vengono e si dipartono da questo mondo, trascinati dal flusso impetuoso delle loro azioni passate (svakarmadutena)».

Shankara, Vivekacudamani 75, Edizioni Parmenides (Asram Vidya) Roma.

seva
Messaggi: 126
Iscritto il: 29/09/2016, 11:45

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da seva » 04/01/2017, 23:56

Quale mondo?

Allen Hammond, Which World - Scenarios for 21st Century, Editor Island Press.

Blu Jiva
Messaggi: 41
Iscritto il: 08/11/2016, 15:05

Re: Pensiero del Giorno

Messaggio da Blu Jiva » 05/01/2017, 18:21

Io sono il risultato dell’intero mio passato

Jack London – IL VAGABONDO DELLE STELLE [pag. 299 Edizione Gli Adelphi]

Rispondi