Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Bhakti

La via del cuore, della devozione. L'abbandono al Divino per trascendere il divenire.
latriplice
Messaggi: 591
Iscritto il: 05/12/2016, 14:19

Re: Bhakti

Messaggio da latriplice » 24/04/2018, 20:08

Dipende da quale paradigma osservi:

Se quella di maya, Brahman è il testimone non sperimentatore dei 5 involucri.

Se quella di Brahman, in assenza del potere mentale proiettivo-velante (che fa dire che io sono un jiva sognante), c'è soltanto il Brahman.

Per enti come te che si ritengono dei jiva sognanti, come raccomandato dalle scritture, è più utile un approccio dualistico della discriminazione (viveka) conoscitore-conosciuto. In un secondo tempo, superata questa fase, si può accedere ad una visione non duale, quella del paradigma del Brahman.

Mauro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Bhakti

Messaggio da Mauro » 24/04/2018, 20:40

cielo ha scritto:
23/04/2018, 21:51
latriplice ha scritto:
23/04/2018, 20:18
E tu in tutto questo, dove ti collochi?
jiva sognante. Tu?
Bella definizione! Ma quando ti definisci "sognante", ti riferisci allo stato di sonno o- come me- sogni ad occhi aperti?

Mauro
Messaggi: 1116
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Bhakti

Messaggio da Mauro » 24/04/2018, 20:44

latriplice ha scritto:
23/04/2018, 22:46
Brahman sognante...... di essere un jiva.
Anche questa è un' ottima definizione, ma è già stata usata dal sottoscritto anni fa, in pieno "trip vedantico", nella forma:
"Noi siamo Dio, che ci sogna".
P.S. Sulla suddetta frase c'è il copyright.
:lol:

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 978
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Bhakti

Messaggio da Fedro » 24/04/2018, 22:18

latriplice ha scritto:
24/04/2018, 20:08
Dipende da quale paradigma osservi:

Se quella di maya, Brahman è il testimone non sperimentatore dei 5 involucri.

Se quella di Brahman, in assenza del potere mentale proiettivo-velante (che fa dire che io sono un jiva sognante), c'è soltanto il Brahman.

Per enti come te che si ritengono dei jiva sognanti, come raccomandato dalle scritture, è più utile un approccio dualistico della discriminazione (viveka) conoscitore-conosciuto. In un secondo tempo, superata questa fase, si può accedere ad una visione non duale, quella del paradigma del Brahman.
Anche chi si ritiene un testimone che osserva dal paradigma del Brahman, in fondo sta anch'egli sognando/ proiettando la propria visione in altro da sé, in quanto è identificato come soggetto/agente in tale visione che espande/restringe a proprio piacimento/scelta immaginata:
siamo comunque in una visione duale.

cielo
Messaggi: 833
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Re: Bhakti

Messaggio da cielo » 25/04/2018, 9:16

latriplice ha scritto:
24/04/2018, 20:08
Dipende da quale paradigma osservi:

Se quella di maya, Brahman è il testimone non sperimentatore dei 5 involucri.

Se quella di Brahman, in assenza del potere mentale proiettivo-velante (che fa dire che io sono un jiva sognante), c'è soltanto il Brahman.

Per enti come te che si ritengono dei jiva sognanti, come raccomandato dalle scritture, è più utile un approccio dualistico della discriminazione (viveka) conoscitore-conosciuto. In un secondo tempo, superata questa fase, si può accedere ad una visione non duale, quella del paradigma del Brahman.
paradigma s. m. [dal lat. tardo paradigma, gr. παράδειγμα, der. di παραδείκνυμι «mostrare, presentare, confrontare», comp. di παρα- «para-2» e δείκνυμι «mostrare»] (pl. -i). – 1. Esempio, modello. I In partic., in grammatica, modello di declinazione o di coniugazione dato dai manuali di studio (per es., in latino, la flessione di rosa, di rivus, ecc., per le declinazioni; di amare, monere, legĕre, audire per le quattro coniugazioni); anche, l’enunciazione delle forme fondamentali di un verbo, cioè dei temi del presente, perfetto, supino, infinito, da cui derivano tutti gli altri tempi del verbo stesso(...)
2. Nella linguistica moderna, l’insieme degli elementi della frase che contraggono tra loro una relazione virtuale di sostituibilità, potendo sostituirsi gli uni agli altri nello stesso contesto. 3. Nel linguaggio filos., termine usato da Platone per designare le realtà ideali concepite come eterni modelli delle transeunti realtà sensibili, e da Aristotele per indicare l’argomento, basato su un caso noto, a cui si ricorre per illustrare uno meno noto o del tutto ignoto. Con altro sign., il termine è stato recentemente introdotto nella sociologia e filosofia della scienza per indicare quel complesso di regole metodologiche, modelli esplicativi, criterî di soluzione di problemi che caratterizza una comunità di scienziati in una fase determinata dell’evoluzione storica della loro disciplina: a mutamenti di paradigma sarebbero in tal senso riconducibili le cosiddette «rivoluzioni scientifiche». (Treccani)

Giusto per focalizzare meglio questa tua recente usanza di parlare di "paradigmi". Pare di capire, forse errando, che la visione debba essere declinata su un modello proposto dai manuali di studio. Ecco allora l'equivalenza del jiva sognante che tende alla fusione nel brahman, ricordandosi di ciò che non è, e del brahman (temporaneamente ancora nel vaso) che sogna di essere un jiva errante, ricordandosi ciò che è.
E ci sta, visto che la visione è un'opera personale di chi ha voluto contemplare (studiando la śruti, ad esempio).

Rispetto invece alla tua creazione funzionale di un insieme degli "enti che come me si ritengono dei jiva sognanti", ti invito a lasciare perdere le generalizzazioni e i giudizi, soprattutto per misericordia verso coloro che sono consapevoli di non avere accesso a una visione non duale, in quanto sull'altalena del samsara con un occhio mezzo aperto.
Rinchiudere il brahman in un paradigma necessita la comprensione che esso è ancora un simbolo che racchiude una verità che va realizzata, non descritta o dedotta dal confronto con altro da sè. Non esistendo l'altro nel paradigma del brahman.
Ti auguro una piena realizzazione della visione non duale, in questa vita o al termine dell'attuale viaggio nella carne.
Il problema è che vivendo nel mondo, in un corpo, ci si atteggia facilmente a soggetto-osservatore di quanto avviene, pertanto anche nella pura contemplazione dell'Essenza, si ha la tendenza a trascinare l'idea che esista un qualche centro di percezione e che si è lì assisi, come se mai esistesse un centro da una qualche parte che sia localizzabile nel tempo-spazio.

cielo
Messaggi: 833
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Re: Bhakti

Messaggio da cielo » 25/04/2018, 9:30

Mauro ha scritto:
24/04/2018, 20:40
cielo ha scritto:
23/04/2018, 21:51
latriplice ha scritto:
23/04/2018, 20:18
E tu in tutto questo, dove ti collochi?
jiva sognante. Tu?
Bella definizione! Ma quando ti definisci "sognante", ti riferisci allo stato di sonno o- come me- sogni ad occhi aperti?
Certo, mi riferisco allo stato in cui la mente crea un mondo con l'immaginazione e lo mette in movimento, colorandolo e determinandolo con l'affiorare delle emozioni suscitate dalle percezioni interiori (conseguenza dell'assorbimento di quelle esteriori).
Sogni notturni e sogni ad occhi aperti, nei momenti in cui lo stato di veglia permette una contemplazione "libera" di tutto ciò che affiora alla coscienza che si sposta nel suo film.
Un po' come osservare un tessuto fatto di miliardi di fili, l'occhio segue la trama, una parte del ricamo, perdendosi nei disegni.
Ove smettesse il sogno del jiva nel tempo, ci sarebbe una visione globale del tessuto e dell'intero disegno, nella contemporaneità della presenza di tutti i fili che formano la stoffa.

Rispondi