Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Cos'è il karma yoga?

La via dell'azione comprende le pratiche ripetute: hatha yoga, mantra yoga, laya yoga, sabda yoga, tantra.
Avatar utente
Fedro
Messaggi: 811
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Fedro » 21/02/2017, 7:13

..........
Allora karma e jnana coesistono perché ogni cosa torna al suo giusto posto: la persona continua a vivere e a compiere le azioni, ma "Ciò che Sono" è aldilà.
Grazie nowhere, secondo me hai evidenziato bene la complementarietà tra i vari yoga: bakhti, jnana e karma.
D'altronde, come dice Bodhananda, siamo contemporaneamente sfere diverse: emotivo, mentale, causale

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 7:24

"Non ho padre né madre, non sono mai nato; non ho parenti né amici, non ho Guru né discepoli"

Maronna, e chi è così sfigato? :lol:

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 7:30

D'altronde, come dice Bodhananda, siamo contemporaneamente sfere diverse: emotivo, mentale, causale

Questo è innegabile e credo neanche latriplice lo metta in dubbio.
Fatto sta che nelle diverse fasi della esistenza predominano certe attitudini rispetto alle altre (contemplativa/ attiva).
Ma nei termini esposti da questo thread (cioè l'evidenza che non esiste una "non-azione" nella vita materiale/ condizionata), allora dobbiamo arrenderci al fatto che esiste solo uno yoga, e questo è il karma yoga.

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 811
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Fedro » 21/02/2017, 8:08

Mauro ha scritto:
21/02/2017, 7:30
D'altronde, come dice Bodhananda, siamo contemporaneamente sfere diverse: emotivo, mentale, causale

Questo è innegabile e credo neanche latriplice lo metta in dubbio.
Diceva che il karma yoga fosse quello dei neofiti
fatto sta che nelle diverse fasi della esistenza predominano certe attitudini rispetto alle altre (contemplativa/ attiva).
Ma nei termini esposti da questo thread (cioè l'evidenza che non esiste una "non-azione" nella vita materiale/ condizionata), allora dobbiamo arrenderci al fatto che esiste solo uno yoga, e questo è il karma yoga.
Neanche nella bahkti vi è una vera e propria azione, visto che tutto viene consegnato al divino, e l'osservazione del flusso causale avviene nella sfera " mentale" (jnana)
Dunque tutto è concatenato senza alcuna preminenza

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 8:44

Ma dài. Tutto, nella vita condizionata è azione.
Bisogna essere coerenti.
Se si parte da questo presupposto, non esiste bhakti o jnana.
Anche la semplice volontà di lasciare tutto nelle mani di Dio è azione.
Anche gli input sinaptici che trasmettono al cervello i dati dell'osservazione "del flusso causale" è azione.
Nella realta materiale (intendo nel mondo di prakriti), la non-azione non esiste.

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 811
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Fedro » 21/02/2017, 9:07

Mauro ha scritto:
21/02/2017, 8:44
Ma dài. Tutto, nella vita condizionata è azione.
Bisogna essere coerenti.
Se si parte da questo presupposto, non esiste bhakti o jnana.
Anche la semplice volontà di lasciare tutto nelle mani di Dio è azione.
Anche gli input sinaptici che trasmettono al cervello i dati dell'osservazione "del flusso causale" è azione.
Nella realta materiale (intendo nel mondo di prakriti), la non-azione non esiste.
considera che, per non azione s'intenderebbe un azione nella quale non ci sente imprimere una direzione causale (agenti)
quindi a cui poter aderire, e per questo si dice "nel distacco dei frutti dell'azione",
in quanto è già determinata prima dal flusso causale, e in pratica la "accompagni" , la porti solo a termine

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 10:04

in quanto è già determinata prima dal flusso causale, e in pratica la "accompagni" , la porti solo a termine

Ma allora, se tutto è determinato dal flusso causale, che noi aderiamo o no, non svolgiamo alcuna azione, perchè il "possessore di tutte le azioni" è Ishvara (come d'altronde afferma latriplice), quindi un karma yoga (o un bhakti yoga) non esiste, ed è tutto jnana!
Metteteve d'accordo!

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 811
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Fedro » 21/02/2017, 10:12

Mauro ha scritto:
21/02/2017, 10:04


Ma allora, se tutto è determinato dal flusso causale, che noi aderiamo o no, non svolgiamo alcuna azione, perchè il "possessore di tutte le azioni" è Ishvara (come d'altronde afferma latriplice), quindi un karma yoga (o un bhakti yoga) non esiste, ed è tutto jnana!
Metteteve d'accordo!
ovviamente dipende da quale punto guardi, e purtroppo le assolutizzazioni (frutto della mente e non di jnana) producono queste (apparenti) contraddizioni.
Abbiamo detto che le varie sfere (mentale, emotiva,causale) coesistono

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da NowHere » 21/02/2017, 11:47

Grazie Latriplice, grazie Fedro.
Mauro ha scritto:
21/02/2017, 7:24
"Non ho padre né madre, non sono mai nato; non ho parenti né amici, non ho Guru né discepoli"

Maronna, e chi è così sfigato? :lol:
Eheheheh :lol:

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 12:50

Non sono assolutizzazioni, sono semplici deduzioni.
Abbiamo detto che le varie sfere (mentale, emotiva,causale) coesistono

Abbiamo detto chi?
Non stiamo a scuola.
Io ragiono con la testa mia, non con quella altrui.

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 13:03

Mauro ha scritto:
21/02/2017, 12:50
Non sono assolutizzazioni, sono semplici deduzioni.
Abbiamo detto che le varie sfere (mentale, emotiva,causale) coesistono

Abbiamo detto chi?
Non stiamo a scuola.
Io ragiono con la testa mia, non con quella altrui.

Voglio dire: perchè ciò non appaia sterile polemica ma una riflessione su alcune tematiche che mi vien da fare quando sento certe affermazioni (e mi stupisce che non accada lo stesso ad altri).
Se si decide che il singolo jiva NON è agente perchè il vero agente è Ishvara, non esiste altro yoga che lo jnana (essendo karma e bhakti assimilabili tra loro).
Se invece si decide che il jiva possa agire in regime di libero arbitrio, non vi può essere altro yoga che il karma yoga.
A me pare così evidente... Al di là del "abbiamo detto che", e giù la lezioncina.

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 811
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Fedro » 21/02/2017, 13:07

Se per te quella esposta da Bodhananda è una lezioncina, amen.
Scusa per il plurale maiestatis (effettivamente non ci azzeccava molto) ma non ho da offrire punti di vista onnicomprensivi o deduzioni logiche, dunque mi rifacevo unicamente a quella sua esposizione qui proposta.
In ogni caso, ho semplicemente posto la mia interpretazione e non sono voce di altri

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 13:23

Non mettere in mezzo Bodhananda, per favore.
Non è corretto.
Non sto dicendo che gli stati causale-sottile-grossolano non coesistono. È facile osservarne la coesistenza.
Sto dicendo solo che se affermi che non siamo detentori delle azioni, il karma yoga non ha ragion d'esistere.
Se sostieni invece che ne siamo detentori, esiste solo il karma yoga.
Possiamo chiarirci su questo punto?

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 811
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Fedro » 21/02/2017, 13:32

Dal punto del jiva, in cui guardiamo, interessa solo lo staccarsi dai frutti dell'azione. Il resto sono concetti che ci poniamo o immaginiamo di porci in altri punti di vista e non ha molto senso per me

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da NowHere » 21/02/2017, 14:42

Dal capitolo "Morire a se stessi" di Di là dal dubbio

«D – Se uso questo atteggiamento di distacco cosciente, di semplice testimone dell'andirivieni della vita, di vedere il movimento caotico degli uomini come dalla vetta di un monte, mi trovo nella giusta posizione? oppure c'è qualche cosa di più efficace che possa affrettare la mia aspirazione al rientro in Quello? Tenga presente che non uso tecniche, non frequento circoli spirituali, non vado in giro per il mondo in cerca di guru, sembrandomi questo un pretestuoso alibi dell'io.
Se non si riesce a morire laddove si è, non è tanto facile farlo altrove. Vede, io non cerco di raggiungere qualcosa, non cerco di trascendermi, non cerco di disciplinarmi, ma cerco di "morire" a tutto; ogni qualvolta nasce in me un pur minimo moto di desiderio, di ambizione a fare, mi chiedo chi è che dentro di me desidera e vuole qualcosa; nel pormi questa domanda mi sembra che il moto estrovertito rientri e la pace mi sopraggiunge. Vivo il mio modesto karma con animo distaccato, come fosse di un altro, pensando che ciò che nasce dovrà morire, mentre il me di me stesso è eterno, è immortale. Ho una profonda certezza – forse è anche fede – della mia infinitezza, per cui sopporto con serenità le mie temporali limitazioni.
Le ho fatto un quadro della mia posizione coscienziale perché è la prima volta che, rivolgendomi a qualcuno che ha già percorso il sentiero, posso avere conferma o meno del mio atteggiamento. Chiedo comunque scusa se ho allungato la mia domanda.

R – La ringrazio di cuore per averci fatto questo dono. Non c'è cosa più bella che contemplare da Testimone il movimento vitale mayahico. Di fronte alla comprensione e alla maturità, che sospingono al reintegro, non c'è cosa più giusta che essere nel mondo ma non del mondo.
Non so se avete contemplato sciami di bambini intenti ai loro giuochi: quale letizia nel vedere i loro movimenti, i pianti, le gioie, i dubbi, i ruzzoloni; nel sentire i loro strilli; nel percepire i loro scambi energetici, nel vederli impacciati e alle prese con gli eventi. Di fronte alla bellezza non c'è da fare alcun movimento, alcun gesto, non c'è da porre alcuna domanda; ogni problema sparisce: c'è pura contemplazione. Solo un Testimone distaccato può percepire la bellezza della multiforme espressione della vita. Chi si trova sulla vetta montana della "divina indifferenza", può contemplare il movimento di miliardi di bambini che piangono, gioiscono, ruzzolano o si alzano, si scontrano o si incontrano, si offrono o si chiudono come fiori al tramonto. Un Testimone si muove negli interstizi umani senza essere attratto o respinto dalla forza elettromagnetica degli enti. Un Testimone ha cessato di essere per Essere, ha cessato di vivere per Vivere, ha cessato di fare e agire perché vive di movimento rotatorio sul proprio asse.
Come ha detto in modo giusto il nostro fratello, non v'è da raggiungere qualcosa, non v'è da produrre alcuno sforzo; c'è solo una cosa da fare: morire ogni giorno a se stessi.
Oh, dolce e ineffabile "morte dei Filosofi", quale dono tu puoi offrire a coloro che ti hanno compreso, a coloro che ti hanno strappato il velo e visto nella tua scarna nudità e illusione!»

Tratto da Raphael, Di là dal dubbio, Asram Vidya

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 15:10

Fedro ha scritto:
21/02/2017, 13:32
Dal punto del jiva, in cui guardiamo, interessa solo lo staccarsi dai frutti dell'azione. Il resto sono concetti che ci poniamo o immaginiamo di porci in altri punti di vista e non ha molto senso per me
È molto curioso il fatto che l'idea di jiva che ti poni te, motivo per cui ti impegni a staccarti dai frutti delle azioni, sia un concetto meno immaginario del mio.
Molto curioso.

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 15:20

Data la mia crassa ignoranza, mi puoi spiegare cosa vuoi trasmettere con quel passo di R., NowHere?
Che le mie solite domande non sono da porsi?
Che bisogna ascoltare i testi e tutti sugli attenti soldatini?
Ma non fa proprio per me, mi dispiace.

Il passo di R. non risponde alla mia domanda.
Se non siamo artefici del nostro agire, perchè un "karma yoga"?
Se il nostro agire non dipende da noi ma dal flusso causale non c'è nostra azione che possa definirsi "karmica", in quanto non siamo artefici del nostro fare.
Tutto è sempre e comunque jnana, sia che preghiamo Iddio, sia che ammazziamo qualcuno.

Mi si può rispondere a questa domanda senza citazioni, senza affermare che le mie sono immaginazioni o che "si fa così" e "il resto non mi interessa"?

Ma che diamine di dialogo si può instaurare su queste premesse?
E poi dite che mi inkazzo.

Avatar utente
Fedro
Messaggi: 811
Iscritto il: 31/08/2016, 18:21

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Fedro » 21/02/2017, 15:25

Tu ti senti artefice del tuo agire, Mauro?
Non vedo perché porsi domande che non si vivono, o a cui non corrisponde il nostro sentire.
Altrimenti è logico che stiamo solo costruendo concetti a cui adeguarci, mi pare.
Il distacco dai frutti dell'azione è un indicazione, la si può seguire soltanto se se ne intravede l'utilità

Mauro
Messaggi: 1108
Iscritto il: 02/10/2016, 15:06

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da Mauro » 21/02/2017, 15:32

Fedro ha scritto:
21/02/2017, 15:25
Tu ti senti artefice del tuo agire, Mauro?
Non vedo perché porsi domande che non si vivono, o a cui non corrisponde il nostro sentire.
Altrimenti è logico che stiamo solo costruendo concetti a cui adeguarci, mi pare.
Ma tu non li costruisci i concetti nel momento in cui tu credi di essere l'artefice (oppure credi di non esserlo) e conformi di conseguenza la tua pratica?
Io NON LO SO se sono l'artefice o no!
Per quello mi ponevo la domanda che evidenziava un dubbio che in una caso il karma yoga non esista affatto, mentre nell'altro esiste solo il karma yoga (con tutte le conseguenze inerenti l'atteggiamento esistenziale da assumere).
Ma è così difficile da capire, diamine?

Avatar utente
NowHere
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/12/2016, 21:08
Località: Napoli

Re: Cos'è il karma yoga?

Messaggio da NowHere » 21/02/2017, 15:34

Mauro ha scritto:
21/02/2017, 15:20
Data la mia crassa ignoranza, mi puoi spiegare cosa vuoi trasmettere con quel passo di R., NowHere?
Che le mie solite domande non sono da porsi?
Che bisogna ascoltare i testi e tutti sugli attenti soldatini?
Ma non fa proprio per me, mi dispiace.

Il passo di R. non risponde alla mia domanda.
Se non siamo artefici del nostro agire, perchè un "karma yoga"?
Se il nostro agire non dipende da noi ma dal flusso causale non c'è nostra azione che possa definirsi "karmica", in quanto non siamo artefici del nostro fare.
Tutto è sempre e comunque jnana, sia che preghiamo Iddio, sia che ammazziamo qualcuno.

Mi si può rispondere a questa domanda senza citazioni, senza affermare che le mie sono immaginazioni o che "si fa così" e "il resto non mi interessa"?

Ma che diamine di dialogo si può instaurare su queste premesse?
E poi dite che mi inkazzo.
Non volevo assolutamente dire che non devi porre le tue domande! Anzi! La mia citazione mi sembrava pertinente con il karma e con la pratica del testimone, per questo l'ho condivisa.

La tua domanda è profonda:
Se non siamo artefici del nostro agire, perchè un "karma yoga"?

Personalmente non so rispondere, bisognerebbe chiederlo ai codificatori di migliaia di anni fa. :D

Per quanto mi riguarda, ciò che in questo momento mi sta assorbendo totalmente è lo scorgere, nelle più svariate attività, la testimonianza impersonale che sta dietro i tre stati, che si autorivela spontaneamente in ogni momento e perdura aldilà di ogni condizione.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite